Erba TiSana

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Alchimia Documenti Bellezza naturale - La trasformazione di coscienza

Bellezza naturale - La trasformazione di coscienza

E-mail Stampa PDF

Bellezza | Divino | Natura | Spirito

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Indice
Bellezza naturale
L'arte che inizia dall'infinito
Un ordine comune di memoria
Nella nostra epoca non concepiamo la bellezza
La luce del corpo è l'occhio
La trasformazione di coscienza
La transizione dalla divinità all'arte
L'immaginazione è la reale essenza della vita umana
Il primo principio di questa epoca è la realtà materiale
Il colore di cui faccio esperienza è a Quarr
Tutte le pagine

La trasformazione di coscienza

magi_2_nw

Queste riflessioni, io credo, sono confermate ogni volta che riconosciamo la bellezza, rispondiamo all'amore o ad alcuni aspetti della verità che muovono a noi, come il mare stesso è attirato, da una  invisibile forza di gravità spirituale. Ma mai più che in quei momenti di singolare intensità, più rari e di un differente ordine di coscienza della percezione del bello, noi afferriamo le esaltanti visioni della percezione dell'eterno ORA.
Quando, per esempio, non cercando l'ossimoro buddista nella elusione del rifugio meditativo presso un sicomoro, ma vivendola, noi siamo PURO ESSERE. Allora, nel confronto del temporale con l'eterno,  l'Io dell'Anima e quello dell'albero sono uniti in un inno eterno di preghiera per il flusso della Vita: l'uno nei molti e i molti in uno.

La gioia di questa unione è descritta da S. Teresa con parole che ci ricordano le Upanishad di duemila anni prima. Essa è, lei scrive, come acqua cadente dal cielo in un fiume o fontana, quando tutto diventa acqua e non è possibile dividere o separare l'acqua del fiume da quella caduta dal cielo o quando un piccolo fiume si riversa nel mare così impetuosamente che non vi è possibilità alcuna di separazione.
Alcune esperienze della realtà ultima sono estetiche, in quei momenti, faccia a faccia con Giotto e Rembrandt e l'albero del sicomoro non vi è distinzione soggetto-oggetto, tutta l'identità individuale è persa, dissolta nella Grande Anima e noi e la natura siamo UNO.
Questa é, naturalmente la reale rinuncia alla quale siamo demandati, la rinuncia di io e mio.

Ero solito interrogarmi se questa trasformazione di coscienza potesse essere raggiunta attraverso l'educazione pedagogica  standard o una apposita. Temo di no. L'espansione diretta, la verità dell'anima, non può essere raggiunta dalla ragione astratta ma solamente con la trascendenza dell'ego, il centro di tutti i pensieri consci, attraverso tormento, sofferenza amore contemplazione e, non ultimo, attraverso l' arte.

 



Ultimo aggiornamento Sabato 12 Febbraio 2011 12:30  

Aggiungi commento

Ti ringraziamo per il commento che stai per lasciare.
Il tuo prezioso commento potrà essere pubblicato solo dopo l'approvazione del moderatore.


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ultimi Commenti

  • Il rooibos, the rosso
    Il Rooiboss è una grande opportunità per la dieta occidentale, riguardo alla Mel...
    31/08/12 10:34
    di Maurizio
  • Il rooibos, the rosso
    Per uso alimentare si usa come il the a senconda del gradimento come colazione e...
    31/08/12 10:30
    di Maurizio
  • Il rooibos, the rosso
    Tutto bene ... ma ... como devo prenderlo? Quantita e volte al giorno?
    31/07/12 14:12
    di Yomisma