Erba TiSana

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Alchimia Documenti Alchimia L'immaginazione - Significato e significante: una frase di Socrate

L'immaginazione - Significato e significante: una frase di Socrate

E-mail Stampa PDF

Alchimia | simboli | Spirito

Valutazione attuale: / 4
ScarsoOttimo 
Indice
L'immaginazione
Il lato oscuro dell'immaginazione
L'addestramento dell'immaginazione
L'immaginazione e l'uso dei simboli
Immaginazione, alchimia e stregoneria
Uno scordato modo di usare l'immaginazione
L'immaginazione cristiana e la sua morte
Significato e significante: una frase di Socrate
La preghiera come purificazione.
Il calore innato
Tutte le pagine

Significato e significante: una frase di Socrate

ars_memoriae_tnDenominare, connotare, significare comporta sempre un rinvio ad altro dal nome, dal significante, implica sempre un rimando all'istanza decisiva che è l'esperienza interiore, silenziosa e meditativa del significato.

Accettare tutte le conseguenze della necessaria divergenza tra significante e significato porta a diffidare del linguaggio discorsivo, specie quando sia scritto. La parola scritta è infatti il segno di un segno, è il significante al quadrato, allontanato del doppio dal significato.

Di questa diffidenza occorre armarsi, se si vuole intendere la filosofia delle scuole antiche, di cui fu un cardine. Ne parla il finale del Fedro, la cui portata è immensa.

La parola scritta, dice Socrate, aiuta a richiamare alla mente, ma rovina la mente. Fatalmente l'esteriorità dei significanti scritti sostituisce ed estingue i significati interiori.

memoriaDegli scritti Socrate argomenta: «Crederesti che essi parlino esprimendo un pensiero, ma se, mosso dal desiderio di capire, fai loro qualche domanda, essi ti annunciano sempre e soltanto una stessa e unica cosa. Inoltre una volta scritto, un discorso rotola da tutte le parti, restando sempre il medesimo sia fra coloro che se ne intendono come fra coloro ai quali è estraneo».

Socrate conclude che perciò il filosofo scriverà soltanto per gioco, per divertirsi, tanto per far festa o per annotare personalmente un pensiero: non illudendosi di comunicare idee. Una scrittura socratica è agli antipodi della redazione di norme, di precetti imperativi. Un'ídea, insegna Socrate, non ci giunge dall'esterno: deve germogliarci nell'intimo e per fare che nasca in altri, occorre agire con loro come fa l'agricoltore con la terra: egli prepara il suolo, lo concima, lo semina, cura i germogli, protegge gli steli.

Fra gli strumenti dell'agricoltura di idee, possono servire anche i discorsi, purché cambino di continuo, purché con significanti sempre diversi si risponda via via alle interrogazioni che il destinatarío farà sul significato. «I migliori discorsi - conclude Socrate non fanno che suscitare il ricordo in coloro che già sanno».

Si è mai meditata a fondo questa frase?

 



Ultimo aggiornamento Venerdì 11 Febbraio 2011 12:40  

Aggiungi commento

Ti ringraziamo per il commento che stai per lasciare.
Il tuo prezioso commento potrà essere pubblicato solo dopo l'approvazione del moderatore.


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ultimi Commenti

  • Il rooibos, the rosso
    Il Rooiboss è una grande opportunità per la dieta occidentale, riguardo alla Mel...
    31/08/12 10:34
    di Maurizio
  • Il rooibos, the rosso
    Per uso alimentare si usa come il the a senconda del gradimento come colazione e...
    31/08/12 10:30
    di Maurizio
  • Il rooibos, the rosso
    Tutto bene ... ma ... como devo prenderlo? Quantita e volte al giorno?
    31/07/12 14:12
    di Yomisma