Erba TiSana

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Alchimia Documenti Alchimia L'immaginazione - Uno scordato modo di usare l'immaginazione

L'immaginazione - Uno scordato modo di usare l'immaginazione

E-mail Stampa PDF

Alchimia | simboli | Spirito

Valutazione attuale: / 4
ScarsoOttimo 
Indice
L'immaginazione
Il lato oscuro dell'immaginazione
L'addestramento dell'immaginazione
L'immaginazione e l'uso dei simboli
Immaginazione, alchimia e stregoneria
Uno scordato modo di usare l'immaginazione
L'immaginazione cristiana e la sua morte
Significato e significante: una frase di Socrate
La preghiera come purificazione.
Il calore innato
Tutte le pagine

Uno scordato modo di usare l'immaginazione

Questione fondamentale per Bruno fu «Che cosa fare della fantasia?».

Per Bruno era l'immaginario il nerbo da mettere all'opera: insegnava ad alzare nella mente vasti anfiteatri didattici… Per Venere_e_Amorerammentare una sequenza, basta averla disposta in un tale contesto. Questa arte del rammentare, che forma il tema maggiore del Bruno, chi si sogna ormai di praticarla?

Si è estinta l'energía fantastica, non si sa più «scolpire» le immagini, l'uomo non è più re nella sua mente, dove lascia che scorra, turpe fiume di rifiuti, un flusso di coscienza che non cerca neanche più di dirigere, quasi che per sfruttare le potenze esterne avesse dovuto abbandonare l'intimità a se stessa. Al tempo di Bruno questa abdicazione e resa ancora non è avvenuta.

Presupposto del Bruno è il nesso posto dal Ficino tra amore e morte: l'amante si riversa nell'amato e, se questi si riversa di rimando in lui, ciascuno dei due muore e risorge nell'altro.

Bruno argomenta che il Sole, l'assoluta Luce, non si può guardare, ma Diana, la luce riflessa nella natura, si può sorpren­dere; i più vanno a caccia di apparenze, amano apparenze, pochi scorgono il lume di natura, Diana ignuda. Quando questo accada, l'uomo «è tutto occhio», è mutato in quel lume, non guarda più alle distinzioni e ai numeri, perché ne ravvisa la fonte, Diana; scordate «le distinzioni e i numeri», diventa come un morto in Vita, non ama più nulla essendo l’amore, non va a caccia di nulla essendo la caccia.

 



Ultimo aggiornamento Venerdì 11 Febbraio 2011 12:40  

Aggiungi commento

Ti ringraziamo per il commento che stai per lasciare.
Il tuo prezioso commento potrà essere pubblicato solo dopo l'approvazione del moderatore.


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ultimi Commenti

  • Il rooibos, the rosso
    Il Rooiboss è una grande opportunità per la dieta occidentale, riguardo alla Mel...
    31/08/12 10:34
    di Maurizio
  • Il rooibos, the rosso
    Per uso alimentare si usa come il the a senconda del gradimento come colazione e...
    31/08/12 10:30
    di Maurizio
  • Il rooibos, the rosso
    Tutto bene ... ma ... como devo prenderlo? Quantita e volte al giorno?
    31/07/12 14:12
    di Yomisma