Erba TiSana

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Lezioni Erboristeria Fisiognomica in Erboristeria Quarta lezione Fisiognomica - Acidosi : cosa fare ?

Quarta lezione Fisiognomica - Acidosi : cosa fare ?

E-mail Stampa PDF

fisiognomica | lezione | registrazione

Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 
Indice
Quarta lezione Fisiognomica
Il cattivo funzionamento dell'intestino
Cosa si può fare per stare bene
Acidosi : cosa fare ?
L’ Alimentazione moderna è acidificante
Se la persona è in acidosi come si procede?
Tutte le pagine


Acidosi : cosa fare ?
Le nostre abitudini alimentari e di Vita e le condizioni ambientali fanno si che l’acidosi - l’iperacidità tessutale - sia una delle cause più frequenti di alterazioni metaboliche essa e' quindi matrice di varie e molteplici malattie.
Uno dei primi obiettivi della medicina naturale è per l’appunto il mantenimento o il ripristino del giusto rapporto (
pH = acido-base) metabolico.
Non si tratta solo di evitare la carenza o l’eccesso di vitamine, minerali ed oligoelementi, e/o determinati cibi (solidi e/o liquidi) fondamentali per la Vita, oppure il sovraccarico di sostanze estranee all’organismo.
Anche il mantenimento e la regolazione del
pH (acido-base dei liquidi del corpo = Terreno) del corpo umano è una premessa fondamentale per qualsiasi cura a carattere preventivo o terapeutico. vedi Omeostasi


Cause dell’acidosi

  • Cibi solidi e/o liquidi NON adatti al proprio organismo

  • Carenza di minerali, vitamine e di oligoelementi

  • Consumo di alcolici

  • Fumo

  • Mancanza di movimento (diminuzione dell’eliminazione degli acidi)

  • Stress

  • Apporto idrico insufficiente

  • Determinati farmaci (es. i salicilati contenuti in quelli "consigliati" per il dolore o per l'influenza)

  • TUTTI i VACCINI

  • Un consumo eccessivo di carne e/o latticini ed insufficiente di verdura

  • Inquinamento ambientale

sintomi_acidosi_nwAlcune Possibili conseguenze dell’Acidosi


  • Affezioni cutanee

  • Alterazioni della flora intestinale, reazioni immunologiche (raffreddore da fieno, asma, allergie, ecc)

  • Candidosi

  • Cefalee, emicranie, dolori strani alla schiena ed alle articolazioni

  • Depressione, irritabilità, spossatezza

  • Intossicazione corporea

  • Maggiore sensibilità al dolore, stanchezza muscolare

  • Malattie cardiocircolatorie

  • Malattie del tratto digerente, per esempio bruciori di stomaco, ulcera gastrica, calcoli biliari

  • Minor rendimento ed attenzione

  • Osteoporosi, reumatismi

  • Stanchezza cronica




Ultimo aggiornamento Lunedì 28 Dicembre 2009 11:53  

Aggiungi commento

Ti ringraziamo per il commento che stai per lasciare.
Il tuo prezioso commento potrà essere pubblicato solo dopo l'approvazione del moderatore.


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ultimi Commenti

  • Il rooibos, the rosso
    Il Rooiboss è una grande opportunità per la dieta occidentale, riguardo alla Mel...
    31/08/12 10:34
    di Maurizio
  • Il rooibos, the rosso
    Per uso alimentare si usa come il the a senconda del gradimento come colazione e...
    31/08/12 10:30
    di Maurizio
  • Il rooibos, the rosso
    Tutto bene ... ma ... como devo prenderlo? Quantita e volte al giorno?
    31/07/12 14:12
    di Yomisma