Erba TiSana

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Lezioni Erboristeria Fitoterapia e Carattere Ottava lezione profumo - Religiosità e profumi

Ottava lezione profumo - Religiosità e profumi

E-mail Stampa PDF

inconscio. profumo | lezione

Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 
Indice
Ottava lezione profumo
Religiosità e profumi
Profumi antichi
Cromoterapia
Tutte le pagine

 

Religiosità e profumi

Nella Bibbia è più volte citato il sottile e nascosto mondo del profumo: è elargizione profonda e completa all’amore di Dio. Attraverso l’emanazione del nardo profumato versato sui piedi di Cristo, Maddalena, sorella di Lazzaro, professa devozione assoluta.

L’esalare profumo assume in tale metodologia antropologica e teologica un valore diverso: Dio distinguerà attraverso il “profumo di Cristo” quelli che si salveranno e quelli che si perderanno.

Il profumo è prezioso messaggio di amore e di maggiore approvazione, non a caso i Re Magi assieme all’oro portano in dono al Nuovo Nato due essenze odorose: incenso e mirra.

I l riferimento al profumo assume qualità profonda, che va oltre la percezione sensoriale e così il giusto muore “in odore di santità”. In molte religioni antiche il profumo ha avuto un ruolo speciale. Pensiamo all’India, terra natale di fiori dalle note intense, come il gelsomino, di legni e spezie odorose. Qui il profumo sin dall’antichità è stato messaggio divino, via di purificazione, di avvicinamento al mondo delle divinità.

Tutto un inventario di “essenze della fede” faceva da legame ai riti religiosi, di cui massima manifestazione si aveva nella liturgia votiva e nei riti nuziali. Si bruciano gli incensi, si respira il soffio divino.

Il profumo aveva un ingente valore, spirituale ed economico. La propria influenza è trasversale, tanto simile agli dei quanto al potere dell’uomo.

Chi preparava profumi ed estraeva essenze faceva parte di una casta elevata. Ai tempi, infatti, il profumo aveva più valore dell’oro, secondo un procedimento del tutto esule dalla logica della domanda e dell’offerta: il profumo, bene superiore, è come voce di Dio. Il profumo è seduzione preparata silenziosamente, “chi domina gli odori domina il cuore degli uomini”, è nell’odore di ognuno di noi che si nasconde l’essenza personale, ed in ogni profumo esiste un potere di persuasione e di conquista. In Italia la tradizione dei maestri profumieri è annosa.



Ultimo aggiornamento Sabato 19 Febbraio 2011 19:34  

Aggiungi commento

Ti ringraziamo per il commento che stai per lasciare.
Il tuo prezioso commento potrà essere pubblicato solo dopo l'approvazione del moderatore.


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ultimi Commenti

  • Il rooibos, the rosso
    Il Rooiboss è una grande opportunità per la dieta occidentale, riguardo alla Mel...
    31/08/12 10:34
    di Maurizio
  • Il rooibos, the rosso
    Per uso alimentare si usa come il the a senconda del gradimento come colazione e...
    31/08/12 10:30
    di Maurizio
  • Il rooibos, the rosso
    Tutto bene ... ma ... como devo prenderlo? Quantita e volte al giorno?
    31/07/12 14:12
    di Yomisma