Il Marrubio

Venerdì 07 Ottobre 2011 17:49 Maurizio
Stampa

antiossidanti | erboristeria | terapia

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

 

Tradizionalmente il marrubio è impiegato nel trattamento sintomatico della tosse e delle affezioni bronchiali

 

 


Descrizione:
Pianta aromatica della famiglia Labiate, detta anche robbia, diffusa negli incolti di buona parte d'Europa. È un'erba fortemente odorosa, con foglie ovali o arrotondate e fiori bianchi, riuniti in spicastri. Un tempo si usava contro la tosse.

Il nome Marrubio deriva dall'ebraico Mar = amaro e Rob = succo.

 

Tradizionalmente il marrubio è impiegato nel trattamento sintomatico della tosse e delle affezioni bronchiali acute benigne: manifesta attività mucolitica ed espettorante. Alla pianta viene riconosciuta anche un'attività coleretica e colagoga che sarebbe dovuta non alla marrubina ma al suo prodotto d'idrolisi, l'acido marrubinico.

 

Il Marrubium vulgare non è da confondere con Lycopus europaeus L. (Marrubio d'acquo), Ballota nigra L.(Marrubio fetido) e Marrubium candidissimum L.

 

Parti utilizzate: foglie e sommità fiorite.

Costituenti principali: tannini (3%) - sostanze amare diterpeniche (Marrubina 0,3-1%) - olio essenziale – mucillagini -  pectine.

Attività principali: amaro-tonica, coleretica e colagoga; mucolitica ed espettorante, antinfiammatoria.

Impiego terapeutico: turbe dispeptiche; obesità, cellulite, dermatosi (intossicazione alimentare), tosse e affezioni bronchiali acute. La pianta viene utilizzata anche nel trattamento delle turbe dispeptiche, nell'inappetenza, nelle epatopatie e nelle affezioni a carico delle vie biliari. Presenta tra l'altro gradevoli caratteristiche amaro-toniche e aromatiche.

Per queste peculiarità può essere una bevanda gradevole da assumere durante gli episodi influenzali o durante la convalescenza. Gli antichi Egizi utilizzavano la pianta nelle malattie delle vie respiratorie.

 

Il marrubio possiede proprietà toniche generali e stimolanti, simili a quelle esplicate dall'Artemisia absinthium e, a dosi elevate, proprietà antipiretiche: in passato infatti veniva impiegato come febbrifugo nelle febbri intermittenti resistenti al trattamento con chinino.

 

Sono segnalate, infine, proprietà ipotensive, vasodilatatrici e cardioregolatrici. La marrubina svolge infatti azione favorevole sulle extrasistoli. Viene associato, per queste sue caratteristiche, al biancospino.

Dosi troppo elevate possono tuttavia provocare disturbi del ritmo .

Per uso esterno viene impiegato un Decotto al 6% come astringente e detergente (proprietà antisettiche) di piaghe in suppurazione o che cicatrizzano male.

 

Curiosità: Gli antichi Egizi utilizzavano la pianta nelle malattie delle vie respiratorie.

«Celso lo dava già nella tisi unendolo al miele o alla terebentina-Baglivi nell'itterizia, bollito col siero di latte. [...] Gilibert lo chiama una delle migliori piante di Europa: ed Alibert dichiara che in tutte le circostanze, nelle quali la medicazione tonica è indicata, può venire amministrato con maggiore vantaggio di altri vegetabili meno energici, quantunque più lodati» (Scotti, 1872).

 

Un nuovo  acido monoterpenico del  Marrubium vulgare con potenziale attività antiepatotossica.

 

Il Marrubium vulgare L. ha mostrato una significativa attività antiepatotossico riducendo i livelli elevati di Enzimi sierici quali glutammato ossalacetato transaminasi sieriche (SGOT) da 40,16%, siero piruvato glutammato ossalacetato transaminasi (SGPT) da 35,06%, e della fosfatasi alcalina (ALP) da 30,51%.

 

La valutazione in vitro delle proprietà antibatteriche, antimicotiche e citotossici di Marrubium olio essenziale vulgare L. coltivato in Tunisia.

L'attività antimicrobica dell'olio essenziale è stato studiato al fine di valutare la sua efficacia contro i microrganismi testati diversi. I risultati attuali risultati hanno mostrato una significativa attività contro i microrganismi Gram in particolare (+) batteri con zone di inibizione e valori di concentrazione, mentre i batteri Gram (-) hanno mostrato un una maggiore resistenza. Per quanto riguarda l'attività antifungina, la più forte attività si è avuta verso quattro ceppi testati, Botrytis cinerea, Fusarium solani, digitatum Penicillium e Aspergillus niger .

 

Attività gastroprotettivi di estratto di metanolo e marrubiina ottenuti da foglie di Marrubium vulgare L.

 

Lo scopo di questo studio era di valutare le proprietà gastroprotettive dell'estratto metanolo diterpene di marrubio ottenuto dalle foglie di M. vulgare. C'è stato anche un aumento significativo della produzione di pH e muco nei gruppi trattati con M. vulgare estrarre e marubiina. I risultati hanno anche dimostrato che la gastroprotectione indotta dalla estrazione di marubiina è legato all'attività di ossido nitrico ed endogeni, che sono importanti fattori gastroprotettivi.

 

Proprietà antiossidanti e antigenotoxic di composti isolati da Marrubium

 

Alcuni composti puri sono stati valutati per la loro attività antiossidante attraverso diversi metodi: test DPPH e ABTS. L’attività genotossica e antigenotossica di estratti e composti puri sono stati valutati in vitro su cellule di Escherichia coli PQ37 dal Chromotest SOS. Alcuni dei composti isolati come i derivati ​​feniletanoidi hanno mostrato la capacità antiossidante più forte ed erano anche in grado di inibire in modo significativo la induzione di β-galattosidasi causata dal nitrofurantoina agente mutageno.

 

Attività delle ladaneine del Marrubium vulgare su linee di cellule di leucemia e la sua incidenza nella leucemia.

 

Tra i possibili risultati positivi, è risultato essere il Marrubium vulgare per la prima volta in questa specie la fonte più interessante, che ha portato l'isolamento e l'identificazione delle ladaneine. Le Ladanein hanno una attività moderata nei confronti delle linee cellulari umane di leucemia.  Questo lavoro fornisce una comune fonte naturale per la semi-sintesi in futuro delle ladaneine derivati ​​flavonici per lo studio della loro attività antileucemica

 

Il Marrubio fissa il Mercurio nel suolo in una zona mineraria abbandonata cinabro (SW Spagna).

 

Studiate le specie vegetali che mostrano i più grandi livelli di Hg (Mercurio metallo pesante) assorbiti  a livello ambientale, esse sono specie perenni o di piccole-medie dimensioni e / o mostrando le foglie molto, o piante annuali di piccola taglia. Il Marrubium vulgare è il più attivo insieme a L., Bromus madritensis L. e Trifolium angustifolium L. sono i specie vegetali con il più alto contenuto Hg (37,6, 12,7 e 9,0 mg kg (-1), rispettivamente). La Superficie fogliare specifica sembra un elemento importante per l'assorbimento atmosferico Hg dalle piante. La stessa alta attività rissatrice è risultata elevata anche nei confronti del Rame.

 

Studio comparato delle attività antipertensiva di Marrubium vulgare e calcio-antagonista .

 

Questo studio sul Marrubium  ha avuto un effetto significativo per il trattamento antipertrofico dell’aorta. Dimostrato il rilassamento dopo somministrazione di acetilcolina (ACh) dell'arteria mesenterica quest patologia è stata migliorata dal Marrubium ma non dal trattamento con amlodipina. Questi
risultati dimostrano che, oltre al suo effetto antipertensivo, Marrubium estratto acquoso ha migliorato la disfunzione endoteliale nei SHR.

.

Ultimo aggiornamento Giovedì 13 Ottobre 2011 09:19  
Joomla SEO powered by JoomSEF