Erba TiSana

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Prima Lezione

E-mail Stampa PDF

corso | elementi | erborista | fitoterapia | lezione

Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 
Indice
Prima Lezione
Le Alghe
I Licheni
Sulle felci
Licopodiacee
Equisetacee
Tutte le pagine

erboristeria2_tn

Lezione del 25 febbraio 2009

Scondo Goethe, la natura, dominata da una forza creativa unitaria, è soggetta a una continua "metamorfosi" guidata da una programmata armonia

che si rivela anche nel più piccolo ente individuale. La metamorfosi naturale va intesa come un divenire spirituale mosso da due tendenze opposte ("concentrazione" ed "espansione") e dall'universale "legge dell'accrescimento". Per questo, nelle sue assidue osservazioni naturalistiche, Goethe cerca la traccia e la riprova della "pianta originaria" e dell'"animale originario" (La metamorfosi delle piante, 1790; Formazione e trasformazione della natura organica, 1807).

La sua polemica contro il meccanicismo si esprime nella visione globale della natura e dell'uomo, fondata sull'esperienza dei cinque sensi del corpo umano: "il più grande e il più esatto apparecchio fisico" di cui lo studio della natura possa giovarsi.

Thompson D'Arcy, naturalista di fama, asseriva:

«il biologo, come il filosofo impari a riconoscere che il tutto non è semplicemente la somma delle parti. L'organismo è molto più di questo. Non è un insieme affastellato di parti, ma una organizzazione di parti in mutua relazione, innestate l'una nell'altra in quello che Aristotele chiamava un singolo e indivisibile principio di unità. E questa non è una semplice concezione metafisica, ma in biologia è la verità fondamentale che è alla base della legge di compensazione [...] di Goethe» (T. W. D'Arcy, Crescita e forma, Boringhieri, 1969, pp. 2854)

Un discorso a parte richiede la Teoria dei Colori, in cui Goethe tratta del loro aspetto fisiologico, fisico, chimico, psicologico. Se per i suoi studi botanici e anatomici egli, ancora in Vita, ebbe rilevanti e lusinghieri apprezzamenti dal mondo scientifico, per quelli sulla luce e i colori, a cui teneva moltissimo, ricevette una nutrita serie di aspre critiche dai fisici, sia contemporanei che posteriori.

evoluzione

Secondo il fisico inglese Newton, la cui teoria è ancora oggi accettata, la luce bianca risulta costituita da luci di diversi colori: da questo composto i colori possono essere separati mediante l'intervento di altri fattori.
Per Goethe questo era un assurdo in quanto, come ha osservato il prof. Heinrich Frieling, naturalista, pittore e studioso dei fenomeni cromatici, «ogni colore è più scuro della luce". Goethe riteneva invece che i colori nascessero dall'incontro tra l'opaco, o scuro, e il chiaro, la luce.



Ultimo aggiornamento Venerdì 06 Marzo 2009 11:36  

Aggiungi commento

Ti ringraziamo per il commento che stai per lasciare.
Il tuo prezioso commento potrà essere pubblicato solo dopo l'approvazione del moderatore.


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ultimi Commenti

  • Il rooibos, the rosso
    Il Rooiboss è una grande opportunità per la dieta occidentale, riguardo alla Mel...
    31/08/12 10:34
    di Maurizio
  • Il rooibos, the rosso
    Per uso alimentare si usa come il the a senconda del gradimento come colazione e...
    31/08/12 10:30
    di Maurizio
  • Il rooibos, the rosso
    Tutto bene ... ma ... como devo prenderlo? Quantita e volte al giorno?
    31/07/12 14:12
    di Yomisma