Erba TiSana

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Notizie Ultime Erbe contro la radioattività

Erbe contro la radioattività

E-mail Stampa PDF

fitoterapia | radioattività | radioprotezione

Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 

Si considera “radioprotettiva” una sostanza se la radiazione che uccide gli altri animali risparmia invece le vite di quelli che l’hanno presa.

 

LINKPer seguire giornalmente l'andamento della radioattività

Protezione dalle radiazioni con le erbe 1a parte


Le radiazioni ionizzanti producono effetti deleteri negli organismi viventi e purtroppo il rapido progresso tecnologico con i suoi ormai numerosi incidenti e catastrofi,  ha aumentato enormemente l'esposizione umana alle radiazioni ionizzanti . Vi è la necessità di proteggere l'uomo contro i devastanti effetti delle radiazioni ionizzanti. 

I tentativi di proteggere contro la nocività delle conseguenze delle radiazioni ionizzanti con un intervento farmacologico sono stati effettuati in particolare nel 1949 e gli sforzi sono continuati con gli studi di enti per la  radioprotezione della popolazione, che possono essere di grande aiuto per l'applicazione sull'uomo. 

Questa recensione si sofferma soprattutto sul potenziale radioprotettivo di erbe e estratti di piante. I risultati ottenuti in vitroin vivo, e gli studi indicano che alcuni prodotti botanici quali:

Gingko bilobacentella asiatica , Hippophae rhamnoidesOcimum sanctumPanax ginseng, Podophyllum hexandrumAmaranthus paniculatus Emblica officinalisPhyllanthus amarus Piper longumTinospora cordifoila Mentha arvensisMentha piperitaCumini SyzygiumZingiber officinaleAgeratum conyzoidesAegle marmelos Aphanamixis polystachya  

confermano la protezione contro la letalità indotta dalle radiazioni, la perossidazione lipidica e il danno al DNA. 

La guida di valutazione frazionamento può aiutare a sviluppare nuove attività radioprotettive.


Piante ed erbe come radioprotettori 

Diverse specie botaniche sono stati sottoposte a screening per la loro attività radioprotettiva (Tabella 1 ).

Tabella 1

effetto radioprotettivo di varie erbe e piante


Gingko biloba

Una infusione endovenosa di estratto etanolico di foglie di Gingko biloba , alla dose di 100 mg / persona è risultato essere efficace nei pazienti con edema vasogenico osservato dopo irradiazione del cervello [ 14 ]. E 'stato indicato per la protezione contro i fattori clastogenico dal plasma di soggetti umani esposti a radiazioni [ 15 ]. Trattamento dei lavoratori per il recupero dal luogo dell'incidente di Chernobyl; una dose orale di 40 mg / die di G. biloba è stato trovato per essere molto efficace somministrata almeno 3 volte al giorno per 2 mesi [ 16 ].

 

 

 

Centella asiatica

L’Estratto acquoso di Centella asiatica ha ridotto l'effetto negativo delle radiazioni a basse dosi in ratti Sprague Dawley radiazione condizionata superando l'inibizione indotta del peso corporeo e perdita e/o avversione gusto [ 17 ]. Allo stesso modo, è stato trovata utile per la protezione contro la perdita di peso indotta da radiazioni in topi esposti a 8 Gy γ-radiazione [ 18 ].

 

 

 

 

 

 

Hippophae rhamnoides

La somministrazione orale di una dose di Hippophae rhamnoides come succo di frutta concentrato a ratti prima o dopo irradiazione ha dimostrato maggiore durata della Vita, il ripristino, di oxicorticosteroide livello 11 nel sangue e anche normalizzato il peso del surrene isolato, la sua attività basale e la risposta alla (ACTH) (corticotropina) in vitro19 ]. Estratto idroalcolico di bacche di H. rhamnoides inoltre ha protetto contro mortalità indotta nei topi in seguito a radiazioni γ, contro la diminuzione dei corpuscoli ematologici (CFU), la formazione di micronuclei e vari altri parametri ematologici [ 2022 ].

 

Ocimum sanctum

La proprietà radioprotettiva di  Ocimum sanctum è stata riportata da Jagetia et al . [23 ] contro la mortalità indotta da radiazioni, in seguito gli studi di Uma Devi e suoi colleghi hanno stabilito la sua efficacia radioprotettiva e dalle aberrazioni cromosomiche nelle cellule nel midollo osseo di topo valutando la sopravvivenza dei topi, con un test alla milza della colonia,. Oltre a questi è stato segnalato per la protezione contro le osmio radiazioni e la perossidazione lipidica indotta e la riduzione della concentrazione di glutatione [ 2425].

 

 

 

 

Panax ginseng  

L'efficacia radioprotettiva di ginseng ( Panax ginseng ) è stata riportata da diversi lavoratori [ 2630 ]. Il trattamento con Ginseng ha prodotto il recupero delle piastrine e il miglioramento nel conteggio degli eritrociti nel sangue dopo irradiazione [ 31 ]. L'intero estratto di ginseng e di varie frazioni (carboidrati, proteine ​​e saponine) sono stati valutati nei riguardi della radioprotezione e dei relativi effetti. I risultati hanno dimostrato che l'estratto totale di ginseng solubile in acqua fornisce la migliore radioprotezione contro i danni indotti da radiazioni nei topi C3H, mentre le proteine ​​isolate e le frazioni di carboidrati erano meno efficaci, la frazione saponinica è risultata inefficace [ 32 ]. Risultati simili sono stati ottenuti da Kim e collaboratori, che hanno trovato come il ginseng estratto totale e le sue frazioni determinino l’aumento endogeno degli effetti della milza nella colonia di topi irradiati e ha anche ridotto l'apoptosi nelle cellule cripta del digiuno [ 27 ]. è stato segnalato anche l'effetto radioprotettivo dell’estratto di radice di ginseng sugli Enzimi testicolari (fosfatasi alcalina e acida e perossidazione lipidica) [ 28 ].

 

Podophyllum. hexandrum

Podophyllum. hexandrum è stato segnalato per la protezione contro la mortalità indotta da radiazioni, i particolare per i danni gastrointestinali e del sistema nervoso embrionale del topo in via di sviluppo [ 203335 ]. E 'stato anche segnalato per la protezione contro le radiazioni, nel degradamento indotto del glutatione-S-transferasi, la superossido dismutasi nel fegato e nell'intestino dei topi irradiati [ 36 ].

 

 

 

Tinospora cordifolia 

La somministrazione orale di un estratto acquoso di Guduchi,  Tinospora cordifolia è stato segnalato per aumentare la sopravvivenza dei topi esposti alle radiazioni [ 37 ].Il trattamento dei topi con estratto idroalcolico di  Tinospora cordifolia è stato provato per la protezione contro la radiazione indotta a carico della formazione di micronuclei, lo stress ossidativo e le ricadute letali nella sopravvivenza del topo, CFU (unità formanti colonie spleniche) della milza e dei parametri ematologici [ 38 ].

 

 

Emblica officinalis  

La polpa del frutto di Amala, Emblica officinalis (EO) è stato segnalato per accrescere la sopravvivenza alle radiazioni e di inibire le conseguenze che inducono la perdita di peso nei topi [ 39 ].

 

 

 

 

Phyllanthus amarus 

Phyllanthus amarus è stato segnalato per la protezione contro la radiazione indotta riguardo il calo dei globuli bianchi (WBC ), la superossido dismutasi, la catalasi, glutatione-S-transferasi, il glutatione perossidasi e il glutatione reduttasi [ 40 ].

 

 

 

 

Amaranthus paniculatus  

Con una somministrazione orale giornaliera di 800 mg / kg di peso corporeo (WT b..) di RajgiraAmaranthus paniculatus ) di estratto dalle foglie per 15 giorni consecutivi dopo l'esposizione dell’intero corpo a radiazioni gamma i topi risultavano protetti contro la mortalità indotta da radiazioni con un fattore di riduzione della morte di 1.36. Esso ha aumentato le unità formanti la colonia endogena della milza e il peso della milza senza effetti collaterali o tossicità. L’estratto di Rajgara ha anche schermato la perossidazione lipidica indotta da radiazioni e il calo del glutatione ridotto nel fegato e nel sangue di topi [ 41 ].

 

Piper longum  

L’estratto etanolico del frutto di Piper longum (Pippali) è stato studiato per proteggere i topi contro il abbassamento nella WBC indotta da radiazione, risulta positivo per le cellule del midollo osseo-esterasi e le cellule α e GSH. Pippali estratto ha anche ridotto i livelli elevati di glutatione piruvato transaminasi (GPT), fosfatasi alcalina (ALP), la perossidazione lipidica (LPO) nel fegato e nel siero degli animali irradiati [ 42 ].

 

 

 

 

 

 

 

ATTENZIONE: chi è interessato all'acquisto di queste erbe di alta qualità, può mandare la richiesta ad  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. , per ricevere info e agevolazioni di acquisto



Ultimo aggiornamento Sabato 14 Maggio 2011 11:36  

Aggiungi commento

Ti ringraziamo per il commento che stai per lasciare.
Il tuo prezioso commento potrà essere pubblicato solo dopo l'approvazione del moderatore.


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ultimi Commenti

  • Il rooibos, the rosso
    Il Rooiboss è una grande opportunità per la dieta occidentale, riguardo alla Mel...
    31/08/12 10:34
    di Maurizio
  • Il rooibos, the rosso
    Per uso alimentare si usa come il the a senconda del gradimento come colazione e...
    31/08/12 10:30
    di Maurizio
  • Il rooibos, the rosso
    Tutto bene ... ma ... como devo prenderlo? Quantita e volte al giorno?
    31/07/12 14:12
    di Yomisma

Sommario Erbario

  Erbario