Erba TiSana

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Notizie Ultime Inositolo contro le radiazioni

Inositolo contro le radiazioni

E-mail Stampa PDF

Alimenti | radioattività | radioprotezione

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

L'inositolo svolge un ruolo importante per le cellule del corpo. 

   
Inositolo protegge il DNA dalle radiazioni

LINKPer seguire giornalmente l'andamento della radioattività



Una ricerca pubblicata il 5 novembre 2007 presso la American Association for Cancer Research Centennial Conference sulla ricerca transfert sulla terapia del cancro indica che l'inositolo, in particolare l’inositolo exafosfato (da ora in avanti IP6) aiuta a proteggere il materiale genetico del corpo dagli effetti nocivi dei raggi ultravioletti B (UVB) e da altre radiazioni ionizzanti.

L’Università School of Medicine del Maryland tramite il professore di patologia Abulkalam M. Shamsuddin, MD ha riferito che questi nutrienti antiossidanti proteggono il DNA delle cellule dai radicali liberi generati dalle radiazioni.

Oltre a fornire protezione dai raggi UVB, l’inositolo potrebbe essere utilizzato per contribuire a ridurre gli effetti collaterali della terapia del cancro basata sulle radiazioni amplificando la potenza del trattamento contro le cellule maligne, mentre salvaguarda quelle che sono sane.

In un esperimento, il team del dottor Shamsuddin ha trattato le cellule della pelle umana intese come cheratinociti con IP6 mentre altre non erano trattate, prima di procedere con l’irradiazione con UVB. Le cellule trattate erano meno incline a subire (apoptosi) cioè il programma di autodistruzione genetica, dimostrando che subivano danni meno irreparabili al DNA.

Dr Shamsuddin ha spiegato che le cellule trattate con IP6 amplificano la durata della loro Vita accrescendo la capacità di riparazione del DNA prima della divisione cellulare.

L’IP6 ha sicuramente una certa interattività con il DNA, ma è ancora qualcosa di misterioso individuare esattamente come funziona nella riparazione del DNA. Ci sono studi che dimostrano i rapporti che legano l’IP6 con le molecole (proteine) eucariotiche Ku nella riparazione del DNA per realizzare il processo di protezione.

Ancora più importante, attualmente non si sa come l’IP6 può attivarsi per sostenere le cellule sane dal vivo, aumentando altresì la capacità di radiazione per uccidere le cellule tumorali.

In un altro esperimento, i ricercatori hanno dato acqua potabile contenente due per cento di IP6 ad una parte di un gruppo di topi geneticamente modificati per avere un aumentato rischio di sviluppare il cancro della pelle. I tumori si sono sviluppati nel 23 per cento di questi topi rispetto al 51 per cento di coloro che non hanno ricevuto IP6, e il numero di tumori nei topi che avevano ricevuto IP6 era la metà di quella degli animali non trattati.

In un altro esperimento, una crema che contiene inositolo e IP6 ha contribuito a proteggere contro lo sviluppo di tumori i topi esposti a radiazioni UVB equivalente all'esposizione al sole.

"Entrambi questi potenti antiossidanti hanno dimostrato di avere le capacità antitumorali ad ampio spettro, e ora i nostri studi confermano anche il grado con cui queste molecole proteggono contro gli effetti che danneggiano il DNA dalle radiazioni ionizzanti", ha dichiarato il dottor. "Danni da radiazioni tradizionali, ma anche danni da radiazioni, dipendenti dalla fonte nucleare atomica, per cui l’IP6 sarebbe in grado di avere anche un ruolo protettivo per in qualsiasi forma di esposizione alle radiazioni, sia che si tratti di una dose terapeutica o da fonte solare, cosmico o nucleari."

Shamsuddin ha poi aggiunto: "E 'possibile che le persone regolarmente esposte alle radiazioni ionizzanti, come i piloti di linea, passeggeri che volano frequentemente o persone che maneggiano materiali radioattivi, potrebbe assumere l’IP6 come profilassi per prevenire eventuali effetti mutageni a lungo termine come seguito dell’esposizione,".

"Potrebbe anche essere consigliabile utilizzare l’inositolo più IP6 come trattamento cautelativa a seguito di una catastrofe nucleare o bombe fatte con uranio arricchito utilizzato nei recenti confitti, medio orientali".

FONTE: www.lef.org da un Comunicato stampa AACR

 

Dosaggio e tossicità

La dose consigliata non è stata ancora fissata, ma la maggior parte dei medici consiglia di consumare la medesima quantità di inositolo e di colina. Il consumo giornaliero di inositolo nel cibo è di circa un grammo proveniente da fonti animali come i fosfolipidi, o da fonti vegetali come l’acido fitico. Il corpo umano ne contiene una quantità maggiore rispetto alle altre vitamine, fatta eccezione per la niacina. Un cucchiaio di lievito fornisce circa 40 milligrammi di colina e di inositolo. Le dosi terapeutiche variano da 500 a 1.000 milligrammi al giorno. A pazienti che soffrivano di neuropatie periferiche causate dal diabete sono stati somministrati 500 mg due volte al giorno per due settimane con risultati notevoli. Sono stati somministrati 3 g di mioinositolo per via orale ed 1 grammo per via intravenosa senza effetti collaterali. Non è stata riscontrata alcuna tossicità.

 

Effetti da carenza e sintomi

        Ricerche eseguite su cellule di lievito hanno mostrato che, quando private di inositolo, i processi metabolici sono impediti nel loro funzionamento e conseguentemente la maggior parte delle cellule muoiono. In altri studi, la carenza di inositolo nelle cellule di lievito porta a malformazioni delle pareti delle cellule e all’impossibilità delle cellule figlie di separarsi dalla cellula madre. Si è anche riscontrata l’inibizione della fermentazione e dell’attività di ossidazione, così come una diminuzione del livello di coenzimi nucleotidi.
La caffeina può portare a una carenza di inositolo nell’organismo. L’uso di sulfamidici incrementa il fabbisogno di inositolo. La diuresi, come nel caso di diabete insipido e nell’eccessiva assunzione di acqua, può causare una perdita di inositolo.
La sua carenza può causare stitichezza, eczema e anomalie degli occhi. Essa contribuisce alla caduta dei capelli e ad un alto tasso di colesterolo nel sangue, che può manifestarsi con malattie cardiache e arteriose. Una carenza di inositolo può avere effetti negativi sul sistema nervoso dei diabetici che soffrono di neuropatie periferiche.

 

Effetti benefici nelle malattie

        L’inositolo è benefico nel trattamento della stitichezza perché ha un effetto stimolante sull’azione muscolare del canale alimentare. E’ anche consigliato alle persone che soffrono di calvizie ed è essenziale per contribuire ad abbassare il livello di colesterolo nel sangue, ed è quindi un fattore di protezione nei confronti delle malattie cardiovascolari. Aiuta ad eliminare i grassi dal fegato nei pazienti che devono essere operati di cancro allo stomaco.
L’uso di inositolo abbinato alla colina ha un effetto positivo sulle neuropatie diabetiche periferiche. La stessa combinazione è consigliata nell’alimentazione femminile. Una dose di 500 mg di inositolo e 1000 mg di colina aiuta nei casi di ipoglicemia. L’inositolo, la vitamina E e l’octacosanolo sono conosciuti per i loro effetti positivi sulla paralisi cerebrale quando non ci siano allergie. La trasmissione nervosa è migliorata dall’assunzione di vitamine del complesso B e inositolo.

        Il dott. Carl Pfeiffer, nel suo Brain Bio Center, ha studiato gli effetti dell’inositolo sulle onde cerebrali. I risultati hanno mostrato che questa vitamina possiede un potere ansiolitico simile a quello del Librium. Il dott. Pfeiffer ritiene che le persone che assumono Librium o Valium potrebbero interrompere il trattamento assumendo invece una dose adeguata di inositolo. Poiché l’inositolo ha un effetto simile a quello dei sedativi, non solo agisce come tranquillante senza nessun effetto collaterale, ma può essere efficace contro l’insonnia. Esso risolve casi di lieve ipertensione abbassando gradualmente la pressione del sangue; è raccomandato un grammo al mattino e uno alla notte. L’inositolo è utile per la cura della schizofrenia, dell’ipoglicemia e per le persone con un alto tasso di rame e un basso tasso di zinco nel siero. Si è scoperto che l’inositolo previene l’ingrossamento del fegato.

L’INOSITOLO PUO’ ESSERE EFFICACE NELLA CURA DELLE SEGUENTI MALATTIE:

Organi

Malattie

Apparato intestinale

Stitichezza

Capelli/cuoio capelluto

Calvizie

Cervello/sistema nervoso

Ansia

 

Insonnia

 

Neuropatie diabetiche periferiche

 

Schizofrenia

 

Tensione nervosa

 

Trasmissione nervosa

 

Vertigini

Fegato

Cirrosi epatica

 

Ingrossamento del fegato

Occhio

Glaucoma

Polmoni/Apparato respiratorio

Asma

Sangue/apparato circolatorio

Alto tasso di colesterolo

 

Arteriosclerosi

 

Aterosclerosi

 

Ictus

 

Ipertensione

 

Ipoglicemia

 

Malattie cardiovascolari

Stomaco

Cancro (terapia pre-operatoria)

 

Gastrite

Generale

Alimentazione femminile

 

Insonnia

 

Sovrappeso e obesità

 

Paralisi cerebrale

Alimenti che contengono inositolo

L'inositolo si trova in una varietà di cibi. Il fegato è la fonte più ricca di esso. L'inositolo si trova anche nel cervello di manzo, cuore, arachidi, grano integrale, germe di grano, cavoli, meloni, uvetta e pompelmo.


Peperoni
ci sono 35 milligrammi di inositolo in ogni peperone di medie dimensioni a forma allungata. 

Barbabietole: hanno 21 mg di inositolo in ogni ½ tazza da servire. 

More: More hanno 173 milligrammi di inositolo in ogni ½ tazza di more. 

Broccoli: Broccoli ha 30 mg di inositolo in ogni ½ tazza da servire. 

Cavolo: Cavolo ha 95 mg di inositolo in ogni tazza 1 porzione. 


Melone
: Melone ha 355 mg di inositolo in ogni tazza da ¼. 

Carote: Le carote hanno 48 mg di inositolo in ogni tazza 1 porzione. 

Cavolfiore: cavolfiore ha 95 mg di inositolo in ogni ¼ testa  da servire. 

Melanzana: dispone di 84 mg di inositolo in ogni ½ tazza da servire. 

Pompelmo: Pompelmo dispone di 398 mg di inositolo in ogni pompelmo. 

Fagiolini: fagioli verdi hanno 193 milligrammi di inositolo in ogni ½ tazza da servire. 

Lima Fagioli: Fagioli Lima hanno 170 milligrammi di inositolo in ogni ½ tazza da servire. 

Lime: Lime hanno 194 milligrammi di inositolo in ogni calice. 

Mandarini Arance (in scatola): Conserve di mandarini hanno 149 milligrammi di inositolo in ogni ½ tazza da servire. 

Funghi: funghi hanno 17 mg di inositolo in ogni 7 funghi. 

Senape: Senape  ha 42 mg di inositolo in ogni porzione


Non si intende far utilizzare le nozioni contenute in queste pagine per scopi diagnostici o prescrittivi. 
Per qualsiasi trattamento o diagnosi di malattia, rivolgetevi ad un medico competente. 

 

 

 

Ultimo aggiornamento Sabato 07 Maggio 2016 11:35  

Aggiungi commento

Ti ringraziamo per il commento che stai per lasciare.
Il tuo prezioso commento potrà essere pubblicato solo dopo l'approvazione del moderatore.


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ultimi Commenti

  • Il rooibos, the rosso
    Il Rooiboss è una grande opportunità per la dieta occidentale, riguardo alla Mel...
    31/08/12 10:34
    di Maurizio
  • Il rooibos, the rosso
    Per uso alimentare si usa come il the a senconda del gradimento come colazione e...
    31/08/12 10:30
    di Maurizio
  • Il rooibos, the rosso
    Tutto bene ... ma ... como devo prenderlo? Quantita e volte al giorno?
    31/07/12 14:12
    di Yomisma

Sommario Erbario

  Erbario