Erba TiSana

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Notizie Ultime La prodigiosa melatonina - Alzheimer e melatonina

La prodigiosa melatonina - Alzheimer e melatonina

E-mail Stampa PDF

Alimenti | erboristeria | terapia

Valutazione attuale: / 10
ScarsoOttimo 
Indice
La prodigiosa melatonina
Melatonina contro l'invecchiamento
Melatonina negli alimenti
La melatonina per le malattie infiammatorie
Vantaggi della melatonina
Alzheimer e melatonina
Tutte le pagine

 

Alzheimer e melatonina



In rete da una settimanta si sta diffondendo la notizia che è apparsa anche su molti giornali “5 caffè al giorno aiutano a contrastare l’Alzheimer” ed è per questo che abbiamo deciso di approfondire meglio ed indagare e ci siamo andati a leggere il paper relativo a questa ricerca in modo da poter spiegare meglio quali siano i reali punti di forza dello studio.

Partiamo con una piccola introduzione all’Alzheimer per poi andare a vedere che forse il fattore più importante della ricerca è la melatonina e non il caffè !

L’Alzheimer è la forma più frequente di demenza senile e presenile largamente diffusa nella popolazione. La maggior parte dei casi sono sporadici con un’incidenza del 6-10% oltre i 65 anni e del 20% oltre gli 80 (con prevalenza in continuo aumento in rapporto all’invecchiamento della popolazione). Il quadro clinico e caratterizzato dalla progressiva perdita della memoria e dell’orientamento spazio temporale, da disturbi comportamentali e da deficit cognitivi sempre più gravi causati dalla perdita dei neuroni.

Un importante studio, eseguito nella Florida State University College of Medicine, ha indagato l’effetto della melatonina in topi transgenici Tg modello di studio per l’Alzheimer.

La melatonina è un neuro-ormone che, come riportato in letteratura scientifica, ha importanti proprietà antiossidanti, antinfiammatorie e limita l’aggregazione del amiloidi sia in vitro che in modelli animali. La formazione delle placche amiloidi è una delle più importanti modificazioni istologiche associate all’alzheimer.

I ricercatori hanno osservato che la somministrazione di melatonina (100 mg/L) nell’acqua da bere dei topi transgenici Tg hanno un decadimento cognitivo più lento rispetto ai topi Tg di controllo a cui non è somministrata la melatonina.

Inoltre la deposizione delle placche amiloidi è notevolmente ridotta nell’ippocampo e nella corteccia entorinale.

Dato il ruolo fondamentale dell’infiammazione nella progressione dell’Alzheimer, i ricercatori hanno misurato la quantità della citochina pro-infiammatoria TNF alpha nell’ippocampo, che risulta diminuita nei topi trattati con melatonina.

La melatonina potrebbe essere somministrata in modo complementare alle terapie farmacologiche, ad oggi conosciute, che sono solo in grado di rallentare la progressione dell’Alzheimer.

In questo articolo si vuole dunque fornire uno spunto di riflessione ed alcune risorse in più per valutare meglio le notizie e soddisfare le curiosità.



Fonte: http://www.ciakmedicina.com

Allegati:
Scarica questo file (MELATONINA.pdf)MELATONINA.pdf[Dossier Melatonina]4250 Kb



Ultimo aggiornamento Giovedì 27 Gennaio 2011 14:48  

Aggiungi commento

Ti ringraziamo per il commento che stai per lasciare.
Il tuo prezioso commento potrà essere pubblicato solo dopo l'approvazione del moderatore.


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ultimi Commenti

  • Il rooibos, the rosso
    Il Rooiboss è una grande opportunità per la dieta occidentale, riguardo alla Mel...
    31/08/12 10:34
    di Maurizio
  • Il rooibos, the rosso
    Per uso alimentare si usa come il the a senconda del gradimento come colazione e...
    31/08/12 10:30
    di Maurizio
  • Il rooibos, the rosso
    Tutto bene ... ma ... como devo prenderlo? Quantita e volte al giorno?
    31/07/12 14:12
    di Yomisma

Sommario Erbario

  Erbario