Erba TiSana

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Notizie Ultime Le verruche - DEFINIZIONE DI VERRUCA

Le verruche - DEFINIZIONE DI VERRUCA

E-mail Stampa PDF

erboristeria | fitoterapia | Sale | simboli

Valutazione attuale: / 9
ScarsoOttimo 
Indice
Le verruche
DEFINIZIONE DI VERRUCA
TRANSFERT PRODIGIOSO SU CORPI INERTI
TRANSFERT PER MEZZO DEL SALE
IL TRANFERT SECONDO GLI ANTICHI CULTI NATURALISTI
INSEMINAZIONE E TRANSFERT CON SEMI O FRUTTI
TRANSFER CON LE MELE O LA ZUCCA
LA MAGIA TERAPEUTICA
TERAPIE NATURALI
FITOTERAPIA ED ERBORISTERIA
LE VERRUCHE CON I FIORI DI BACH
Tutte le pagine

DEFINIZIONE DI VERRUCA.

Le verruche sono lesioni della cute che si trovano facilmente sulla pelle dei bambini, dei ragazzi o dei giovani adulti. La causa e' un virus (della famiglia dei papovavirus umani) che provoca un' infezione cronica della pelle e che si manifesta con noduli, papule o zone della cute con elevata presenza di cheratina (una proteina presente nei capelli, nei peli e nelle unghie). Per evitarle bisogna seguire alcune regole di igiene; per combatterle si puo' ricorrere anche ad alcuni rimedi naturali.

 

Le verruche sono piccoli tumori cutanei di origine virale. Molto diffuse, possono assumere diverse forme e interessare le sedi più diverse.

cerchioSi distinguono le verruche volgari (sporgenti), piane (con una superficie relativamente liscia), plantari, genitali, ecc. Come qualsiasi dermatosi virale, le verruche sono contagiose per semplice contatto, ma il grado di contagiosità dipende dal tipo di virus, dalla localizzazione e dallo stato immunitario del soggetto. In certi casi tendono a proliferare per auto-inoculo (trasporto del virus da un punto all'altro quando la persona si rade o si gratta ecc.). Le verruche spariscono spontaneamente, ma talvolta solo dopo alcuni anni. Le recidive sono peraltro frequenti, in particolare nelle persone immunodepresse.
Nella medicina tradizionale, il trattamento delle verruche implica l'applicazione topica di un apposito prodotto (acido salicilico, tretinoide ecc.), la distruzione mediante crioterapia (neve carbonica, azoto liquido) o elettrocoagulazione con laser ad anidride carbonica.

fitoterapiaMolto meglio l’omeopatia, o la fitoterapia, si può usare per il rimedio classico, chiamato Thuja. Molte volte, ancora, si può utilizzare la tintura madre che va applicata due volte al giorno, evitando però, la zona della pelle sana.

Se il problema interessa la pianta del piede, invece, si può provare con la Ant Crud 5 CH, un rimedio che va bene pure nel caso di verruche piatte sulle mani. Per quelle a cavolfiore, invece, che causano prurito e sanguinano, si può tentare con Nitric acid 5 CH. Per quelle sul viso e sui polpastrelli, invece, la soluzione potrebbe essere Causticum 5 CH. Il rimedio prescelto, comunque, va scelto ogni dodici ore, per ventuno giorni.

Se si vogliono utilizzare gli oli essenziali, va bene il limone, il timo rosso o il tea tree. In questo caso, bisogna mettere qualche goccia di olio essenziale, su un batuffolo di cotone umido e applicarlo direttamente sulla verruca. La zona, quindi, va coperta con un cerotto resistente all’acqua, da cambiare quotidianamente. Dopo circa cinque ore, la pelle intorno alla verruca, diventerà molto morbida e chiara e il punto centrale scuro, si potrà rimuovere con cautela scegliendo un ago sterilizzato, in olio di tea tree. Dopo aver rimosso la radice nera, bisogna applicare l’olio di calendula, che si trova in erboristeria, arricchito di vitamina E. Quest’ultimo va applicato per due tre volte al giorno, per un mese, fino alla completa guarigione.

 



Ultimo aggiornamento Domenica 02 Agosto 2009 19:29  

Aggiungi commento

Ti ringraziamo per il commento che stai per lasciare.
Il tuo prezioso commento potrà essere pubblicato solo dopo l'approvazione del moderatore.


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ultimi Commenti

  • Il rooibos, the rosso
    Il Rooiboss è una grande opportunità per la dieta occidentale, riguardo alla Mel...
    31/08/12 10:34
    di Maurizio
  • Il rooibos, the rosso
    Per uso alimentare si usa come il the a senconda del gradimento come colazione e...
    31/08/12 10:30
    di Maurizio
  • Il rooibos, the rosso
    Tutto bene ... ma ... como devo prenderlo? Quantita e volte al giorno?
    31/07/12 14:12
    di Yomisma

Sommario Erbario

  Erbario