Erba TiSana

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Notizie Ultime PAPAVERO BLU DELL'HYMALAYA

PAPAVERO BLU DELL'HYMALAYA

E-mail Stampa PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

Questo è il fiore con cui si deve misurare Batman nel film di C. Nolan Batman Begins...

PAPAVERO BLU

Il papavero blu dell'Himalaya è originario del Tibet, dove le estati sono fresche e umide. È una pianta difficile da coltivare a causa delle condizioni di crescita richieste umidità e temperatura. La Meconopsis betonicifolia e grandis è una pianta erbacea perenne da giardino di valore e particolare, originaria dell'Alaska, della Scozia e dell'Himalaya. Proprio per la sua provenienza è anche conosciuta come papavero blu dell'Himalaya.

Si presenta come una piccola rosetta di lunghe foglie verde chiaro, ricoperte da una leggera peluria, che possono arrivare ai 100-120 cm di altezza; in primavera produce spettacolari fiori a 4-5 petali, setosi, di un bellissimo colore blu cielo.

Generalmente, questi papaveri crescono in aree dove le temperature rimangono sotto i 26 gradi durante il giorno e sopra lo zero durante la notte. Le zone con temperature tra i 10 e i 15 gradi durante il giorno sono ideali.

Nelle zone dove le temperature arrivano fino a 26 gradi durante il giorno, queste piante hanno bisogno di ombra durante la parte più calda della giornata, perché non tollerano il calore infatti vanno tenute in un luogo luminoso ma che favorisca una corretta ombreggiatura. Piantare i fiori in un luogo protetto dai venti freddi.

 

Cura del papavero blu dell'Himalaya

Questi papaveri richiedono un terreno ricco di humus, acido e ben drenato. Modificare eventualmente il terreno con uno strato di materia organica, come letame invecchiato o compost. I terreni alcalini beneficiano dell'aggiunta di muschio di torba per aumentare l'acidità del terreno. Un terreno con un pH tra 5,2 e 6,2 produce il caratteristico blu cielo del papavero blu dell'Himalaya. I terreni alcalini possono produrre fiori che appaiono più violetti che blu.

 

Meconopsis grandis Prain

Famiglia: Papaveraceae

Nome dialettale : Upal ngon po (Am).

Habitat e distribuzione: Arbusteti, pascoli, pendii aperti, 3000-5200 m, Nepal.

 

Distribuita nell'Himalaya (dal Nepal al Bhutan), Myanmar, Cina. Localmente si trova a Jagdulla, Dokpa, Mukroman, Kagmara.

 

Caratteri diagnostici: erba monocarpica. Basale foglie in rosetta, foglia da lanceolata a oblungo-ellittica grossolanamente dentata, coperta di setole; foglie del fusto che diventano piccole e verticali in cima al fusto. Fiori 1-4 per stelo, blu o sfumati di viola, portati su lunghi steli. Capsula ellissoide-oblunga.

 

Rinvenimento: Raro.

 

Fioritura e fruttificazione: giugno-luglio (fioritura), agosto-novembre (frutti).

 

Parti usate: Foglie e fiori.

 

Gusto/Potenza: Dolce (ngar) & astringente (ka)/ fresco (sil).

 

Uso: febbre dei polmoni e del fegato. I semi sono commestibili, anche usati per fare sottaceti.

 

Tossicità : Non tossico.

Modo d'uso : Usato con altre erbe specie in tisane.

 

Raccolta: Fiori e foglie sono raccolti selettivamente da pianta matura durante giugno-agosto.

Stato salvezza: Vulnerabile. La minaccia è dovuta alla sua rara presenza, pascolo e raccolta.

 

Le piante di Meconopsis (cinese: 绿绒篙), appartenenti alla famiglia delle Papaveraceae, sono state usate dalla medicina tradizionale tibetana (TTM) per migliaia di anni. Meconopsis ha l'effetto di:

  • eliminare il calore,
  • ridurre il gonfiore e attenuare il dolore,
  • è principalmente prescritto per le sindromi da calore, noi diremmo infiammazione,
  • epatite,
  • polmonite
  • e sofferenza delle articolazioni.

Gli studi fitochimici hanno rivelato la presenza di importanti alcaloidi isochinolinici e antociani appartenenti ai flavonoidi. La moderna ricerca farmacologica ha dimostrato le sue attività antitumorali, epatoprotettive, analgesiche, antimicrobiche, antiossidanti, tussifughe e antinfiammatorie. Tuttavia, la disponibilità di risorse, lo studio farmacologico approfondito in vivo e l'analisi qualitativa e quantitativa sono ancora scarse e valgono nuovi contributi.

1. Introduzione sugli antociani

Sette antociani sono stati trovati nei fiori blu di sei specie di Bhutani Meconopsis, cioè M. bhutanica, M. bella, M. horridula, M. simplicifolia, M. primulina e M. polygonoides mediante indagine HPLC. Delle loro antocianine, le quattro principali sono state isolate e identificate come cianidina 3-O-sambubioside-7-O-glucoside (1), cianidina 3-O-[xylosyl-(1 → 2)-(6″-malonylglucoside)]-7-O-glucoside (2), cianidina 3-O-[xylosyl-(1 → 2)-(6″-malonylglucoside)] (4) e cianidina 3-O-sambubioside (5) (Fig. 1). Altre tre antocianine, 3, 6 e 7, non potevano essere isolate per piccole quantità.

Gli antociani sono pigmenti idrosolubili che forniscono colori brillanti rossi, viola e blu
alle verdure e alla frutta. Subiscono trasformazioni strutturali caratteristiche dipendenti dal pH,
esercitando un diverso aspetto cromatico. Si ritiene che il consumo di frutta ricca di antociani sia
benefico per la salute e prevenire lo sviluppo di diabete, cancro e malattie cardiovascolari, sulla base di molti studi epidemiologici. Dato che possiedono una potente attività antiossidante e
sono associati a effetti di incremento della salute, gli antociani sono diventati un'alternativa sempre più diffusa agli attuali coloranti alimentari sintetici ampiamente utilizzati, che si sospetta causino
problemi nei bambini e anche agli adulti.
Il colore e la stabilità delle antocianine potrebbero essere influenzati dalla loro interazione con dei metalli. È stato riportato che le antocianine con almeno due gruppi idrossilici liberi sull'anello B potrebbero chelare ioni metallici, tra cui, ma non solo, Fe2+, Fe3+, Ga3+, Al3+, Mg2+, Sn2+, Ti2+ e Cu2+.
Storicamente le antocianine sono state usate in diversi problemi di salute come misura di sostegno e guarigione. Tuttavia, solo negli ultimi due decenni alcune proprietà farmacologiche specifiche e misurabili dei pigmenti antociani isolati sono state definitivamente verificate da studi di ricerca in vivo, in vitro o clinici. Gli antociani sono stati riportati come aventi la capacità di:

 

  • abbassare la pressione sanguigna,
  • migliorare l'acuità visiva,
  • ridurre la proliferazione delle cellule tumorali,
  • inibire la formazione di tumori,
  • prevenire il diabete,
  • abbassare il rischio di CVD
  • modulare la funzione cognitiva e motoria.
  • Si dice che abbiano anche un'attività antinfiammatoria e antibatterica.

Qual è il colore degli antociani, e dove possiamo trovarli? La definizione di antociani è "pigmenti flavonoidi blu, viola o rossi che si trovano nelle piante". Per quanto riguarda la struttura delle antocianine, sono pigmenti glicosidici solubili in acqua che possono variare di colore a seconda del loro pH specifico. Il tipo esatto di antocianina che un frutto o un vegetale contiene è in parte ciò che determina quanto profondamente rosso, viola, violetto, blu o addirittura arancione sarà. Questo è uno dei motivi per cui lo stesso cibo, come le melanzane o le cipolle, può avere molte sfumature diverse.

 

Ecco la cosa magnifica della maggior parte degli antiossidanti: Non solo vi fanno bene quando li mangiate, ma se ne avvantaggiano anche alle piante che li contengono. Le piante producono sostanze fitochimiche come l'antocianina come meccanismo di protezione; aiutano a costruire la resistenza delle piante e le proteggono da ciò che le può danneggiare. Per esempio, l'antocianina può offrire a una pianta protezione dall'essere mangiata da predatori (come insetti, uccelli o roditori) e da fattori di stress ambientali come la luce ultravioletta, le temperature fredde e la siccità.

 

 

Importanza del colore degli alimenti

La reazione umana agli alimenti è considerata istintiva, essendo stata radicata da abitudini apprese attraverso i millenni. Quando si cercava il cibo, gli esseri umani dovevano riconoscere gli alimenti con sicurezza soprattutto attraverso al colore (Burrows, 2009).

Anche oggi, il colore continua ad essere parte della prima esperienza sensoriale relativa a molti prodotti alimentari.

Certi colori possono essere associati alla maturità di alcuni frutti e verdure. Gran parte dei prodotti freschi comunemente consumati cambiano colore dal verde a varie tonalità di

giallo-arancio e al rosso-viola intenso man mano che maturano. Le fasi verdi, di questi

prodotti contengono una quantità minima di zucchero e livelli di acidità relativamente più alti. Tuttavia, man mano che si sviluppano i colori rosso e viola, frutta e verdura tendono ad acquisire più zucchero e composti volatili con specifiche note di frutta/verdura e una maggiore dolcezza. I colori blu in natura tendono ad essere relativamente limitati rispetto ai più comuni verdi, gialli e rossi. Storicamente, questo colore atipico può essere stato associato a frutta e verdura che può avere qualche tossicità, come i pigmenti blu di alcuni funghi. È anche probabile che i colori blu possano essere stati associati al deterioramento degli alimenti, perché molte muffe e funghi mostrano colori blu-verdi quando crescono, portando probabilmente ad evitare quel colore. I colori sono stati trovati fortemente correlati alla percezione del sapore. Per esempio, gli alimenti colorati arancione e giallo sono stati percepiti come prodotti al gusto di arancia e limone. Mentre i cibi tinti di rosso erano spesso ritenuti al gusto di bacche o ciliegie.

I colori sono stati per secoli collegati alla salute, in una varietà di modi dipendenti dalla cultura. Alcuni colori sono stati collegati a certe caratteristiche salutari, come ad esempio una relazione del colore rosso all'energia e alla salute del fegato. In tempi medievali, i coloranti alimentari erano difficili da trovare e quindi riservati alle classi superiori, portando alla convinzione che il colore degli alimenti indicasse sia il valore nutrizionale che potere medicinale. I cibi di colore rosso intenso erano considerati produrre sangue ricco e pieno; e i colori dorati promuovevano la guarigione divina.

 

Quali sono i benefici per la salute degli antociani? Alcune delle condizioni che la ricerca suggerisce è che le antocianine possono aiutare a prevenire nei seguenti casi:

 

  1. Malattie cardiovascolari e fattori di rischio, come la pressione alta e l'indurimento delle arterie
  2. Cancro
  3. Funzione immunitaria compromessa
  4. Diabete
  5. Disturbi neurologici, come il morbo di Alzheimer e la demenza
  6. Sintomi di scarsa funzione cognitiva, tra cui scarsa memoria e problemi di concentrazione
  7. Fatica
  8. Scarso recupero dall'esercizio/attività fisica
  9. Perdita della vista
  10. Obesità

1. Protezione contro le malattie cardiovascolari/cuore

In generale, molti studi hanno scoperto che consumare solo una o due (o idealmente più) porzioni di cibi ricchi di antociani al giorno può proteggerti da problemi di pressione alta e arteriosclerosi. Mentre è fantastico consumare cibi ricchi di antiossidanti ogni giorno, o almeno più volte alla settimana può migliorare la salute. Una scoperta dell'Iowa Women's Health Study, che includeva più di 34.000 donne in postmenopausa, ha scoperto che le donne che hanno consumato fragole e mirtilli ricchi di antociani una volta alla settimana o più hanno sperimentato riduzioni significative del rischio di morte per malattia cardiaca/coronarica.

Un altro grande importante ricerca del Nurses' Health Study, ha seguito oltre 46.000 donne e 23.000 uomini per più di un decennio, e ha trovato la prova che chi aveva consumato la più alta quantità di antociani (soprattutto da mirtilli e fragole) avevano un rischio significativamente diminuito di sviluppare ipertensione, infarto del miocardio e/o avere un attacco di cuore rispetto a quelli con l'assunzione più bassa.

 

Anche i benefici degli antociani per il diabete e i disturbi pancreatici sono stati scoperti negli ultimi anni, e ancora una volta l'efficacia è attribuita ai molteplici e simultanei effetti biologici che questi pigmenti provocano nel corpo, tra cui la prevenzione della proliferazione di radicali liberi, la diminuzione della perossidazione lipidica, la riduzione del gonfiore pancreatico e la diminuzione delle concentrazioni di zucchero nel sangue e nelle urine.

 

2. Miglioramento della funzione immunitaria

I bioflavonoidi antociani possono fornire protezione dai danni al DNA e dalla perossidazione lipidica, inoltre hanno effetti antinfiammatori e aiutano ad aumentare la produzione di citochine che regolano le risposte immunitarie. Regolano l'equilibrio ormonale riducendo l'attività estrogenica, e aiutano a regolare la produzione di Enzimi che favoriscono l'assorbimento dei nutrienti, sono in grado di rafforzare le membrane cellulari rendendole meno permeabili e fragili.

 

3. Protezione contro il cancro

La ricerca suggerisce che l'antocianina può diminuire il rischio di sviluppare vari tipi di cancro grazie ai suoi effetti antiossidanti, anticancerogeni e antinfiammatori. Questo è stato dimostrato in studi di ricerca sia in vitro che in vivo su esseri umani e animali. Gli studi dimostrano che le antocianine hanno la capacità di combattere naturalmente il cancro bloccando la proliferazione cellulare e inibendo la formazione di tumori interferendo con il processo di carcinogenesi. Un modo in cui le antocianine inibiscono la tumorigenesi bloccando l'attivazione delle vie della proteina chinasi attivata da mitogeni.

 

4. Funzione cognitiva

Per quanto riguarda la funzione cognitiva, la ricerca suggerisce che i flavonoidi, comprese le antocianine, hanno la capacità di migliorare la memoria e di aiutare a prevenire il declino delle funzioni mentali legato all'età. Ricerche approfondite sugli animali hanno dimostrato che i flavonoidi presenti nella frutta e nei succhi di frutta possono migliorare la memoria e rallentare la perdita delle funzioni cognitive negli anziani. Molti altri studi hanno scoperto che le bacche, in particolare i mirtilli, che sono ricchi di antociani, possono effettivamente invertire i deficit legati all'età in alcuni aspetti della memoria. Si pensa che gli antociani e altri flavonoidi agiscano inibendo la neuroinfiammazione, attivando la segnalazione sinaptica e migliorando il flusso di sangue al cervello. Sembra che alcuni antociani alimentari possano attraversare la barriera emato-encefalica, permettendo ai composti di avere un effetto benefico diretto.

 

Gli autori di una recente revisione sull'argomento hanno suggerito che il consumo di frutti ricchi di flavonoidi come bacche, mele e agrumi per tutta la Vita potrebbe potenzialmente limitare o addirittura capovolgere la condizione d’invecchiamento inibendo i deterioramenti nella memoria e nella cognizione.

 

Consigli sugli antociani

"Mangiare abbastanza frutta e verdura è una sfida senza fine", dice Jennifer Neily, proprietaria di Neily on Nutrition a Dallas. "Incoraggio sempre i miei clienti a mangiare un arcobaleno di colori - rosso, arancione/giallo, verde, blu/viola - a causa dei benefici contro le malattie che forniscono".

Per le bacche ricche di antociani, consiglia di tenere a portata di mano quelle congelate. "Sono ottimi per un frullato veloce pieno di fibre".

Ximena Jimenez, portavoce dell'Academy of Nutrition and Dietetics, dice che mentre gli antociani non hanno ancora raggiunto lo status di star, i consumatori stanno iniziando a sentirne parlare di più. "Puntate a tre o più porzioni a settimana", raccomanda di dire a clienti e pazienti. "Iniziate la vostra giornata con mirtilli o more, succo d'uva a pranzo, e aggiungete melanzane, cavolfiori viola o cipolle viola alle vostre ricette preferite".


Infine questo il fiore con cui si deve misurare Batman nel film di C. Nolan Batman Begins.

Vi è un paradigma archetipico che incrociamo parecchie volte nella trilogia. L'incidente nella caverna e la successivo lutto dei genitori è una, la seduta di addestramento di Bruce è un'altra.

Ecco una possibile interpretazione:

la prima è l'iniziazione, la seconda come una vera ricerca, ma, malgrado ciò, lo schema archetipico rimane sempre lo stesso in entrambi le modalità.

Implica il disincanto, o la caduta, di chi si avventura fuori dagli schemi, ma la seguente ascesa, o una riapparizione, con una conoscenza più grande. Il maestoso fascino è che Gotham è diventata un demoniaco pozzo di corruzione e criminalità. La città ha un angosciato bisogno di un eroe. E' in questo momento che Bruce parte per il suo viaggio - la sua "discesa" culmina nelle prigioni del Bhutan dopo un lungo viaggio, girando il mondo in terre straniere. Lì incontra la figura dello "sciamano" nella sua caverna "solitaria" che lo guida per perfezionare il suo addestramento. Ma, per ottenere ciò, deve prima di tutto guadagnarsi "un raro fiore blu", un impareggiabile papavero, che essendo un oggetto impossibile da ottenere, è il classico simbolo di una conoscenza profonda e individuale.
La successiva "ascesa" in cima alla montagna è solo un simbolo archetipico per la conoscenza in evoluzione: leghiamo l'altezza con la trascendenza, dove il Cielo è indubbiamente il luogo del divino, le visioni sciamaniche sono usate per raggiungere uno stato "più alto" della coscienza, poiché essendo più vicini al cielo, le persone sono più lontane dalle condizioni degenerate della realtà e dell'umanità, le sacre montagne nella mitologia rappresentano questa trascendenza dove Mosè incontra Dio, Gesù ascende in paradiso e il profeta Muhammad sale la scala per il Divino Trono. L'immagine capitale del più elevato simbolo cosmico è quasi sempre, o una montagna, come l'Olimpo, o l'Albero del Mondo, come Yggdrasil. Questa venerazione per il cielo è certamente iniziata già nei periodi Paleolitici. Bruce trova la fortezza di Ra's Al Ghul in cima alla montagna che si accompagna al fatto di trovarsi in terre straniere. Prima della prova finale durante l'allenamento di Bruce, Ra's Al Ghul gli dà una ciotola contenente un fiore blu e alcune altre cose da annusare, in seguito, Bruce affronta le sue paure…..

Ultimo aggiornamento Domenica 10 Ottobre 2021 18:44  

Aggiungi commento

Ti ringraziamo per il commento che stai per lasciare.
Il tuo prezioso commento potrà essere pubblicato solo dopo l'approvazione del moderatore.


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ultimi Commenti

  • Il rooibos, the rosso
    Il Rooiboss è una grande opportunità per la dieta occidentale, riguardo alla Mel...
    31/08/12 10:34
    di Maurizio
  • Il rooibos, the rosso
    Per uso alimentare si usa come il the a senconda del gradimento come colazione e...
    31/08/12 10:30
    di Maurizio
  • Il rooibos, the rosso
    Tutto bene ... ma ... como devo prenderlo? Quantita e volte al giorno?
    31/07/12 14:12
    di Yomisma

Sommario Erbario

  Erbario