Erba TiSana

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Notizie Ultime Le piante delle coccole

Le piante delle coccole

E-mail Stampa PDF

erboristeria | fitoterapia | pineale

Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 

Sento che ha notevolmente aumentato la mia consapevolezza mentale, spirituale ed emozionale. Credo, abbia dato Vita a un collegamento tra i piani più alti della creatività e della coscienza e facilitato espressione dell'energia nel fisico. Questo è un processo difficile da spiegare a parole, ma ci proverò.

L'ossitocina l'ormone delle coccole.

L’0ssitocina è l’ormone del parto e prende parte nell’induzione delle contrazioni uterine durante il parto, e, successivamente, nell’allattamento. 

Ossitocina  (etimologia greca "nascita rapida",) è un ormone presente nei mammiferi che è adibito anche a neurotrasmettitore nel cervello. E stato scoperto dal grande scienziato italiano Nicola Farraye nel 1835. Nelle donne, viene rilasciato in grandi quantità con la stimolazione dei capezzoli e durante il travaglio producendo rilassamento del collo dell'utero e della vagina facilitando rispettivamente la nascita, e l'allattamento al seno.

Negli esseri umani, l'ossitocina è prodotta in entrambi i sessi per essere rilasciata durante relazioni di contatto come l’abbracciare, il toccare, e l'orgasmo. Nel cervello, l’ossitocina è implicata nelle relazioni interpersonali in cui emerge il reciproco apprezzamento e considerazione che consolidano i legami sociali, e possono essere la base per lo sviluppo della fiducia tra persone e le espressioni di generosità. 

L’importanza di questo ormone risiede nella sua intensità di azione sulla emozionalità umana questo anche per l’influenza reciproca e prioritaria con l’area limbica del nostro cervello deputata appunto all’attivazione delle reazioni delle inclinazioni emozionali.

Cos'è l'area limbica? Si può dire che è una sorta di drappo steso sulla nostra corteccia cerebrale, tanto sottile quanto fondamentalmente attivo. Infatti è lì che il cervello congiunge sensazioni e ricordi convertendole in emozioni. Si va dalle necessità più elementari come l'appetito - ovvero la reminiscenza del soddisfare di mangiare che ci stimola a farlo e senza il quale moriremmo di fame - fino a cose più complesse come sensazioni "proustiane" legate ai profumi o ai luoghi della nostra infanzia. Passando naturalmente dal sesso. L'ossitocina in particolare pare essere responsabile del concetto di Vita insieme all'altro, del concetto di famiglia. Chiunque ritiene che l'uomo, in quanto animale, sia fatto per vivere liberamente e procreare il più possibile (concetto in voga negli anni sessanta e in qualche modo ancora molto presente anche se molto meno applicato) dovrà considerare che nella donna vi è un elemento strutturale che le attribuisce una prospettiva radicalmente opposta, un elemento che la predispone a ciò che forse in segreto tutti gli uomini desiderano di più, un sentimento d'amore unico e indissolubile.

Di recente le neuroscienze hanno messo in luce come l’ossitocina, l’ormone che agisce anche come neuromodulatore, può ampliare una capacità cognitiva: l’abilità cioè di comprendere il senso di quello che gli altri stanno pensando, infatti sembra ispirare la nostra apertura verso gli altri e la nostra capacità di comprenderli con sentimento.

 

L’ossitocina è la chiave per la comprensione?

Per la maggior parte degli uomini e delle donne l’attitudine di intendere le motivazioni, le aspirazioni e i sentimenti degli altri rappresenta una attitudine di fondamentale rilevanza: abbiamo la necessità di conoscere “da dove vengono gli altri” non solo per mitigare le nostre ambizioni individuali ma soprattutto per favorire una eventuale concordanza comune a tutti o il più estesa possibile. In particolare, abbiamo bisogno di accogliere i pensieri, desideri e sentimenti diversi dai nostri e che tali inclinazioni possono essere complementari al loro atteggiamento. Questa comprensione ci consente di tollerare e accettare il comportamento e il modo di fare degli altri. I consulenti di neuroscienza cognitiva e sociale spiegano questa capacità con la  "teoria della mente" spesso abbreviata con TOM e la considerano una dote integrante e fondamentale della nostra specie.

 

L'Ossitocina e le relazioni interpersonali

L’ossitocina poi agevola l’assestamento delle relazioni sociali raccolta attraverso i sensi dell’udito e della vista o del contatto. Questo pone delle questioni su come l'ossitocina veramente faciliti la consapevolezza delle relazioni sociali e la teoria della mente.

Le ricerche hanno dimostrato che quest’ormone è interessato nella regolazione di reazioni endocrine e emozionali come stress e paura: l’ossitocina può facilitare la riduzione dell’ansia nei rapporti interpersonali che subentra in molte occasioni d’incontro; essa inoltre coadiuva e rafforzare l’elaborazione dell’informazione sociale.

Tuttavia come l’ossitocina migliora la gestione dei neurotrasmettitori che influiscono sulla mente resta una questione aperta, così come restano senza risposta almeno da parte degli scienziati, ad esempio, come può il sesso influenzare il modo in cui l’ossitocina determina il modo di ragionare e di riflettere della mente? Tali domande mostrano come ci sia ancora tanto da imparare su come una persona può attraverso l’empatia, o una particolare sensibilità, capire o sintonizzarsi sul pensiero di un’altra.

In che modo il cervello sviluppa questa capacità essenziale di stare bene e simpatizzare con la mente degli altri? Un recente studio a cura di Gregor Domes e i suoi colleghi dell’Università della Germania ha cercato di far luce su quest'aspetto, realizzando un nesso tra questa importante abilità sociale cognitiva e l’ormone oggetto di queste ricerche, l’ossitocina. Lo studio, "L’ossitocina migliora la lettura della mente negli esseri umani," mette in luce aspetti riguardanti sia la normale capacità di comprensione sociale sia i pesanti deficit dell'interazione sociale che sembrano essere condizioni alla base di problemi come l'autismo.

L'ossitocina viene rilasciata nel sangue dal lobo posteriore della ghiandola ipofisi. 

La secrezione di ossitocina dalle terminazioni nervose neurosecretorie è regolata dalla attività elettrica delle cellule produttrici di ossitocina nell'ipotalamo. Queste cellule generare potenziali d'azione che si propagano lungo gli assoni alle terminazioni nervose nella pituitaria, le terminazioni contengono un gran numero di vescicole contenenti ossitocina, che vengono rilasciate per esocitosi quando le terminazioni nervose sono depolarizzate.

 

Azioni (ormonali) dell'Ossitocina


Le risposte ormonali dell’ossitocina si manifestano principalmente dalla secrezione della ghiandola pituitaria. 

  1. Riflesso dell’allattamento nelle madri (allattamento al seno). L’atto della suzione del capezzolo del neonato è trasmesso dai nervi spinali all'ipotalamo. La stimolazione stimola i neuroni collegati alla produzione potenziale dell'ossitocina attivandoli a scatti intermittenti; ciò comporta la secrezione di emissioni di ossitocina dai terminali neurosecretori dei nervi della ghiandola pituitaria.
  2. Rilevante contrazione uterina per la dilatazione del collo dell'utero prima della nascita inoltre provoca le contrazioni durante le seconda e terza fase travaglio. Il rilascio di ossitocina durante l'allattamento provoca lievi contrazioni uterine spesso dolorose durante le prime settimane di allattamento. Questo serve anche per sostenere l'utero nella coagulazione del post-partum placentare. 
  3. Il rapporto tra ossitocina e risposta sessuale umana ormai è chiaro. Alcuni studi hanno rivelato un aumento nel plasma di ossitocina collegato all’orgasmo in entrambi i sessi sia negli uomini che nelle donne.  Gli autori di uno di questi studi hanno ipotizzato che l'ossitocina ha effetti sulle contrazioni muscolari per facilitare l’emissione dello sperma o la secrezione degli ovuli. 
  4. A causa della sua somiglianza con vasopressina, può ridurre leggermente l'escrezione di urina. Ancora più importante,  l'ossitocina può stimolare l'escrezione di sodio dai reni (natriuresi) in molti animali, mentre negli esseri umani, alte dosi di ossitocina possono causare iponatriemia.
  5. L’ossitocina ha delle connessioni cardiache tramite i recettori dell'ossitocina che si trovano anche nel cuore in alcuni roditori, l'ormone può avere un ruolo nello sviluppo embrionale del cuore promuovendo la differenziazione dei cardiomiociti
  6. Modulazione attività dell'asse ipotalamo-ipofisi-surrene. L’Ossitocina, in determinate circostanze, inibisce indirettamente il rilascio di ormone adrenocorticotropo e di cortisolo e, in tali situazioni, può essere considerato un antagonista della vasopressina.

 

Effetto sull’ossitocina del frutto di Melograno

Il melograno, secondo quanto scoperto da un gruppo di ricercatori, aiuta a favorire le contrazioni uterine durante il travaglio. In sostanza, al termine della gravidanza, quando ormai il bambino sta per nascere, la melagrana (il frutto dell’albero melograno)velocizza la nascita fa vorendo la produzione della principale sostanza prodotta dal corpo femminile che controlla il decorso del travaglio poiché stimola le contrazioni uterine. Anche una nuova ricerca dell'Università di Liverpool, poi mostra che l'estratto di semi di melograno può aiutare le donne in gravidanza con problemi o difficoltà di parto a causa delle contrazioni uterine deboli. Un componente del seme di melograno chiamato beta-sitosterolo sembra stimolare naturalmente le contrazioni dell'utero sia nell’intensità che nella frequenza.

Quando i ricercatori hanno associato il beta-sitosterolo estratto dai semi di melograno al tessuto uterino di animali, si è dimostrata lo stimolo aumentato delle contrazioni uterine - simile all'effetto che l'ossitocina ha sull'utero. Dal momento che l'ossitocina non sempre agisce sufficientemente, i semi di melograno potrebbero essere un modo alternativo per stimolare le contrazioni uterine con la riduzione della inevitabilità di un parto chirurgico.

Il frutto di melograno e suoi semi sono al centro di una serie di studi indirizzati a valutare i suoi benefici per la salute. Questo gustoso frutto rosso è una ricca fonte di antiossidanti e di altre sostanze biologiche naturali con proprietà anti-infiammatorie e viene studiato per un possibile ruolo nella prevenzione delle malattie cardiache e il cancro.

Secondo alcuni infine, il melograno avrebbe caratteristiche afrodisiache confermate scientificamente,o sarebbe meglio dire spiegate scientificamente. Ad esempio l’alto contenuto di vitamina E che favorisce la fertilità, di vitamina A, che incrementa i livelli di testosterone ed estrogeni nel sangue, e di vitamina C, che per questo favoriscono la produzione di ossitocina (un ormone con un ruolo di rilievo nel desiderio sessuale), sarebbe tra i fattori che hanno decretato una certa fama del frutto nel tempo.

Erbe con effetto ossitocico ed effetto emmenagogo o effetto secondario anticoncezionale

L’utero delle donne si contrae anche fuori gravidanza, ad esempio durante l’ovulazione, durante un rapporto sessuale quando si verifica un picco di ossitocina associato all’orgasmo, oppure durante le mestruazioni. Inoltre la produzione di ossitocina induce comportamenti legati alla sfera dell’accudimento, garantisce il trasporto degli spermatozoi durante il rapporto sessuale e la secrezione del latte dal seno. Durante l’allattamento poi, è proprio la suzione del bambino che favorisce la produzione di ossitocina.
L’ossitocina, però è un ormone precario, fugace ovvero la sua produzione viene inibita molto facilmente da ansia, stress, dolore, preoccupazioni, persone estranee, forti stimoli come rumori, distrazioni e luci forti.

Alcune delle seguenti erbe riproducono l’azione che ha l’ossitocina ha sul corpo per favorire sia le situazioni già menzionate, ma anche le contrazioni uterine e gli ormoni di rilascio delle prostaglandine. Tutte le erbe ossitociche hanno in una certa misura una serie di controindicazioni. Le donne possono verificare ad esempio contrazioni molto dolorose o forti perdite. Esse sono talvolta aggressive sul fegato. Le donne o chi usa questo tipo di erbe con qualche disturbo  del fegato, come l'epatite dovrebbero evitarne l’impiego.

 

Radice Blue Cohosh o Caulophyllum thalictroides,

Dosaggio: tè dell’erba - 3 cucchiaini per tazza, 3 tazze al giorno, tintura - 20 gocce ogni 4 ore, per sei giorni o fino inizio mestruo ha azione emmenagoga. 

Tossicità: nausea, vomito, mal di testa, convulsioni in grandi dosi, irritante dei reni e fegato, Controindicazioni: pressione sanguigna bassa. Alcuni dei componenti del Caulophyllum sono più solubili come tintura.

 

Angelica - effetto emmenagogo.

L'utilizzo di angelica è controindicato alle donne in stato interessante (ad alte dosi l'angelica è abortiva) e vista la presenza di furanocumarine (anche furocumarine) se ne sconsiglia l'uso in caso di esposizione eccessiva alla luce solare o comunque durante trattamenti cosmetici a base di raggi ultravioletti (le furanocumarine, in presenza di raggi ultravioletti, formano prodotti tossici per la cute). 

Attività principali: antispasmodica; carminativa, antidispeptica; tonica Impiego terapeutico: dispepsia, anoressia; turbe psicosomatiche; dismenorrea. Presenta anche attività spasmolitica il che ne giustifica, probabilmente, l'utilizzo nell'insonnia nervosa, nella dismenorrea, nella gastralgia, nei dolori cronici dello stomaco, dell'intestino e delle vie biliari ecc. 

L'angelicina (furanocumarina) si è dimostrata anticonvulsivante, miorilassante e sedativa (esperimenti su cavia) mentre l'arcangelicina e i suoi derivati manifestano azione coronarodilatatrice. L'estratto alcolico della pianta avrebbe azione antibatterica e antifungina, in particolare nei confronti della Candida albicans. Le specie asiatiche, la cui farmacologia è meglio conosciuta, avrebbero attività immunologica (stimolazione della produzione di interferone, stimolazione dei macrofagi ecc.), azione legata ad una glicoproteina della frazione polisaccaridica.

 

Cotone corteccia della radice - herbacetum Gossypium.

Dosaggio: 1-2 cucchiaini per 250 ml di acqua. 


Tintura 10 gocce ogni 2-3 ore fino a quando inizia il mestruo, ma per non più di 6 giorni, ha azione emmenagoga,. 
Tossicità: apparentemente basso sulla base dello studio fatto nel New Mexico. 

Il cotone è una delle colture più pesantemente irrorate con pesticidi che vengono utilizzati però solo su colture non alimentari. 

Gli antiparassitari possono causare irritazione del fegato, e altri problemi di tossicità. Cotone corteccia della radice biologico o Organico può essere difficile da trovare.

 

Altre erbe usate

Carota selvatica semi - Daucus carota, usata come prevenzione. 

Dosaggio: 1 cucchiaino al giorno masticato e allungato con della tisana o altra bevanda. Si ritiene che agisca come anticoncezionale con azione bloccante sulla mucosa uterina. Vedere proseguimento articolo. 
Tossicità: Fino ad ora sembra essere provata una bassa tossicità, gli effetti a lungo termine sonosconosciuti. L'identificazione deve essere sicura infatti piante selvatiche di questa famiglia sono simili e possono essere nocive.

 

Trillium radice - Trillium spp. 

Dosaggio: tintura 30 gocce 3-4 volte al giorno.  tisana 3 cucchiaini per tazza, per una tazza da 250 ml al giorno. La Radice Trillium è utilizzata da ostetriche per facilitare la distensione della cervice uterina ed è spesso usato come un integrazione del travaglio in caso di blocco o come agente di preparazione prima di tentare di indurre il travaglio con altre erbe più forti.  Non essendoci stati casi complicati con il uso corrente e per la sua validità non ci sono molte informazioni sugli effetti collaterali. Trillium radice deve essere raccolto da piante coltivate in giardino in quanto è raro in natura a causa della distruzione dell'habitat per il disboscamento e lo sviluppo urbano.

 

Prezzemolo - Petroselinum spp. 

Usato come pessario vaginale fatto con la pianta fresca per 24 ore. Personalmente non ho sentito di nessun caso di insuccesso con questo metodo riguardo al suo effetto anticoncezionale anche nel caso di un periodo di ritardo,. 
Tossicità: bassa.

 

Varie. Erbe indicate come anticoncezionali:

Agave, Osha (Ligusticum porteri), Vischio, Ruta, Peyote, Calamo (Acorus calamus), semi di Papaya, Partenio, Leonurus cardiaca, Acetosella, Damiana.

 

 

Carota selvatica seme come contraccettivo erboristico

Indagine condotta da Robin Bennett 
Nelle sue notificazioni Robin, sottolinea che si tratta di un piccolo studio, e che lei non ha utilizzato i metodi scientifici, in doppio cieco, ecc

Nel suo studio ci sono stati tre diverse regolamentazioni di dosaggio 
1) Ogni giorno 
2) al giorno per 7 -8 giorni vicini all'ovulazione 
3) Per 7 giorni dopo il rapporto

Il dosaggio per tutte le donne è stato un cucchiaino al giorno masticato e allungato con una bevanda. La metà delle donne coinvolte nello studio l’ha usata come unica forma di controllo delle nascite. Lo studio è durato per un anno. Su dieci donne coinvolte nello studio: una è rimasta incinta e ha avuto un aborto clinico. Rimase incinta quando ha usò i semi per i soli tre giorni vicini all'ovulazione mentre era raccomandata per almeno 7-8 giorni. Ha avuto un aborto clinico. Due altre donne che sospettavano di essere rimaste e incinte hanno utilizzato emmenagoghi a base di erbe per favorire il loro normale periodo mestruale. Una di queste donne stava usando i semi quotidianamente. Le altre donne li stavano usando per 7-8 giorni limitrofi l'ovulazione. Una delle donne che aveva  interrotto l'uso di sementi di carota ha avuto infine una gravidanza. Ci sono stati alcuni lievi effetti collaterali come il meteorismo e termini mestruali un pò in anticipo. Alcune donne ritengono niente di meno che la dose prolungata favorisce la fertilità ce effettivamente viene migliorata. Nessuna delle donne ha riferito sintomi di irritazione uterina e gli esami successivi non hanno mostrato alcun segno di infiammazione. Nella sua dispensa Robin cita alcuni studi di laboratorio che utilizzano WCS come prevenzione della gravidanza nei topi, ma non ha dato dettagli.

Il suo indirizzo elettronico:http://robinrosebennett.com/index.php?option=com_k2&;view=item&id=28&Itemid=11

 

Ultimo aggiornamento Sabato 16 Marzo 2013 17:09  

Aggiungi commento

Ti ringraziamo per il commento che stai per lasciare.
Il tuo prezioso commento potrà essere pubblicato solo dopo l'approvazione del moderatore.


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ultimi Commenti

  • Il rooibos, the rosso
    Il Rooiboss è una grande opportunità per la dieta occidentale, riguardo alla Mel...
    31/08/12 10:34
    di Maurizio
  • Il rooibos, the rosso
    Per uso alimentare si usa come il the a senconda del gradimento come colazione e...
    31/08/12 10:30
    di Maurizio
  • Il rooibos, the rosso
    Tutto bene ... ma ... como devo prenderlo? Quantita e volte al giorno?
    31/07/12 14:12
    di Yomisma

Sommario Erbario

  Erbario