Erba TiSana

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home

La cenere in laboratorio - PREPARAZIONE DELLA LISCIVA

E-mail Stampa PDF

erboristeria | fitoterapia | lezione

Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 
Indice
La cenere in laboratorio
LA CENERE COME SOSTANZA BASICA
MERCOLEDI DELLE CENERI
LA CENERE: LA VITA OLTRE LA MORTE
LA CENERE DEI DEFUNTI IN DIAMANTI
LA CENERE IN CUCINA
RIMEDIO CON LA CENERE DELLA GINESTRA
CENERE E TRADIZIONI POPOLARI
La LISCIVA DALLA CENERE
PREPARAZIONE DELLA LISCIVA
Tutte le pagine
UN ESPERIMENTO DI LABORATORIO PER LA PREPARAZIONE DELLA LISCIVA

Ciò che serve:

  1. CENERE e ACQUA in un rapporto 1: 5 (ovvero 1 misurino di cenere per 5 bicchieri d'acqua)

  2. UN BEKER da 250 ml

  3. UN MESTOLO di legno

  4. UN fornello a gas

  5. UN DISCO di carta filtro

  6. UNA BOTTIGLIETTA DI PLASTICA da mezzo litro con tappo

  7. Un misurino di circa 40 ml ( 5 misurini per 40 ml = 200 ml ) un misurino più grande rischia di far

  8. riempire troppo il beker.

setaccio2_tnCome fare: PRELIMINARI Lezione n. 1. 50 minuti circa

- Setacciare la cenere.

- Disporla in una grossa pentola (espressamente destinata a questo uso), rispettando il giusto rapporto

cenere/acqua ed aggiungervi l'acqua.

 

 

AVVIO DELL'ESPERIMENTO. Lezione n. 2. 90 minuti

- Portare ad ebollizione, a fuoco lento, mescolando di frequente all'inizio e di tanto in tanto quando labollitura_tn

cottura si è stabilizzata.

- Far bollire circa 2 ore. E' consigliabile, verso fine cottura, assaggiare giusto una goccia del composto da

posare sulla lingua per valutarne la potenza: se ha bollito sufficientemente pizzicherà appena. Non

eccedere nella bollitura, in quanto la lisciva ottenuta diventerebbe troppo forte ed aggressiva per la pelle

e per l'ambiente.

- A cottura ultimata, lasciare raffreddare e decantare.

 

 

filtrazione1_tn

 

CONCLUSIONE DELL'ESPERIMENTO

Si prepara il disco di carta da filtro e si filtra la soluzione decantata, nella bottiglia di plastica facendo attenzione a

non smuovere ilfondo che contiene la pasta di cenere. Finita la filtrazione la lisciva è pronta e si conserverà per anni e

potrà essere usata diluita in acqua per il lavaggio della vetreria di laboratorio e per altri esperimenti come la

preparazione del sapone con gli oli d'oliva e il grasso animale.

 

 

 

 

 

Cosa si ottiene da questo procedimento:bottiglia_tn

  1. Una parte liquida, la lisciva propriamente detta, da usarsi per tutte le pulizie (piatti, biancheria, pavimenti, ecc.) ed anche direttamente in lavatrice come un normale detersivo.

  2. Una pasta di cenere cremosa, che possiede un certo potere detergente e che può essere utilmente usata per lavare i piatti, sgrassare i piatti, pulire il lavello.

  3. Poiché non sporca ed è meno aggressiva rispetto alla cenere d’origine, destinando la lisciva ad altri impieghi più esigenti e specifici.

 

 

 

 

 

 

 



Ultimo aggiornamento Giovedì 14 Maggio 2009 13:31  

escort bayan muğla aydın escort bayan escort bayan anakkale balıkesir escort bayan escort tekirdağ bayan escort bayan gebze escort bayan mersin buca escort bayan edirne escort bayan