Erba TiSana

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Notizie Notizie flash Rito del Fuoco - Il Fuoco trasformatore

Rito del Fuoco - Il Fuoco trasformatore

E-mail Stampa PDF

elementi | Fuoco | simboli

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Indice
Rito del Fuoco
Intervista a Wolfang Laib
Il Fuoco trasformatore
Tutte le pagine

Il Fuoco trasformatore.

La trasformazione piena che si attua per mezzo del Fuoco, dona grazia su grazia.


"Il Brahman" - Mundaka Upanishad

Il fuoco è la sua testa, il sole e la luna i suoi occhi, il cielo i suoi orecchi, le Scritture la sua voce, l'aria il suo alito, l'universo il suo cuore e la terra il suo poggiapiedi. Il Brahman è la più intima natura di tutti.

La nascita delle creature dall'uomo cosmico

rama6. Indi egli soffregò in tale modo, e dalla sua bocca come matrice e dalle sue mani egli generò il fuoco. Questa è la ragione per la quale bocca e mani sono senza peli all'interno: perchè la matrice è internamente senza peli. «Quindi» allorchè si dice: «Sacrifica a tale divinità, sacrifica a tale altra divinità» e così per tutte le divinità singolarmente, si indica una creazione particolare di lui: egli è, in verità, tutti gli Dei. Indi tutto ciò che vi è di umido egli lo produsse dal suo seme: tale è il soma. Tutto ciò che esiste, invero, o è nutrimento o è mangiatore: il soma è l'alimento, il fuoco il mangiatore. Questa è una supercreazione [atisrshti] del brahaman; supercreazione, dato che egli ha prodotto Dei superiori a lui, perchè egli, mortale (?) ha prodotto degli immortali. Colui il quale così conosce appartiene a questa supercreazione.

Brhadaranyaka Upanishad - SECONDO ADHYAYA

6. Ma l'Essere che sta dietro la forma grossolana e la sottile può essere immaginato con una veste tinta di giallo, o con una bianca pelle di capra, o del rosso di una coccinella. Lo si può concepire come una fiamma di fuoco, un fiore di loto, il bagliore di un lampo. Subitamente Egli lampeggia propizio a chi sa questo. Ma non vi è nulla di più sublime che ripetere "Non è così, non è così" (neti neti). Poiché il suo nome è Verità delle verità, Satyasya sathyam. Se realtà sono infatti gli spiriti vitali, Egli è la loro realtà.

Upanishad di Ganapati

Tu  [sei] terra, acqua, fuoco, aria, etere. Tu  [sei] i quattro stati della parola. Tu, di là dalla triade dei guna; tu, di là dalla triade dei tempi; tu, di là dalla triade dei corpi, tu sei in permanenza dimorante nel mûlâdhâra. Su di te  [come] essenziato della triade delle potenze, su di te gli yogî costantemente meditano. Tu  [sei] Brahmâ, tu Vishnu, tu Rudra, tu Indra, tu Agni [Fuoco], tu Vâyu [Vento], tu Sûrya [Sole], tu Candra [Luna], tu la santa formula Bhûr Bhuvas Suvar Om [Terra, Atmosfera, Cielo, Om]. Il principio dei Gana [G] dapprima avendo emesso, quindi immediatamente il principio de' suoni  [A],  [sei] l'anusvâra [m], l'energia del Supremo, sorta dalla mezzaluna.



Ultimo aggiornamento Mercoledì 17 Giugno 2009 21:13  

escort bayan muğla aydın escort bayan escort bayan anakkale balıkesir escort bayan escort tekirdağ bayan escort bayan gebze escort bayan mersin buca escort bayan edirne escort bayan