Erba TiSana

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Notizie Ultime Contratti e vaccini - Il precedente caso della SARS

Contratti e vaccini - Il precedente caso della SARS

E-mail Stampa PDF

memoria | Sofferenza | Vaccinazione

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Indice
Contratti e vaccini
Il cerchio si chiude ancora una volta
Il precedente caso della SARS
C'è chi sta aspettando una pandemia
Un piccolo aggiornamento istruttivo
Tutte le pagine

Il precedente caso della SARS

Più in generale si può riconoscere un metodo fondato su un allarme martellante, poco preoccupato di provocare panico, fortemente assecondato dai media, con i governi impegnati a rilanciarlo. Un metodo già sperimentato nei casi della SARS e dell’influenza aviaria, e ormai sempre più rodato.

pademic2Ai tempi dell’allarme SARS i giornali, imbeccati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, arrivarono a pubblicare grafici e ricostruzioni che pretendevano senza ironia di identificare il «paziente zero»: una scenetta in cui un canadese, un cinese e un vietnamita si incrociavano in un ascensore di Hong Kong, e da lì irradiavano la nuova pandemia per l’universo mondo. Avete visto cosa ne è stato della SARS, che poteva «uccidere miliardi di individui». Sono stati classificati come SARS solo ottomila casi in tutto il mondo e meno di ottocento morti.

Ricordo anche una surreale apertura del Tg1, quando la prima notizia fu un fenicottero morto in uno stagno rumeno. «Un altro caso di aviaria? E se passa all’uomo?». Ho in mente il Tg1, ma non è che gli altri organi d’informazione si fermassero a riflettere. Ovunque aviaria, aviaria, polli, fagiani, e allarmi.

Nel frattempo i produttori di antivirali (una delle categorie di farmaci più inutili che si possano immaginare) gongolavano con profitti miliardari. Gongolava anche Donald Rumsfeld, allora segretario alla difesa USA, in qualità di perfetto anello di collegamento fra il complesso militare-industriale-mediatico e le gradi case farmaceutiche. Proprio Rumsfeld era stato il capo della Gilead Science, la società che brevettò il Tamiflu prima di cederlo alla Roche non senza lasciarsi succulente royalty, governate oggi da un consiglio di amministrazione che comprende vari pezzi grossi dell'atlantismo, tra cui l'ex segretario di Stato George Schulz.

Rumsfeld, uno degli artefici del nuovo diritto d’emergenza e del nuovo stato d’eccezione nato con l’allarme terroristico, ha avuto buon gioco a spingere la manipolazione della paura in più di una direzione, militare, mediatica, medica, ovunque con gli stessi metodi e le stesse complicità. Rumsfeld è lo stesso Rumsfeld che nel 1976 svolgeva il ruolo di Capo di Gabinetto del presidente Ford, quando questi ordinò una vaccinazione di massa per un caso di influenza suina molto simile a quello odierno.

 

 

 

 

Gel GEL IGIENIZZANTE MANI "PRIMA BARRIERA" BIOLOGICO - LINEA TEA TREE - IBERSAN

Per un azione protettiva immediata, ovunque ed in qualunque momento della giornata. Non necessita di acqua e può essere utilizzato con praticità.

L'azione antimicrobica e antibatterica è sostenuta dall'esclusiva miscela di oli essenziali di Tea tree, Manuka, Pompelmo, Limone e Bergamotto oltre che dall'estratto di Tè bianco.

Arricchito con succo di Aloe vera biologico.
Utilizzare il prodotto regolarmente inserendolo nelle normali abitudini di igiene quotidiana: le mani risulteranno immediatamente protette ed idratate.



Ultimo aggiornamento Martedì 03 Novembre 2009 19:19  

escort bayan muğla aydın escort bayan escort bayan anakkale balıkesir escort bayan escort tekirdağ bayan escort bayan gebze escort bayan mersin buca escort bayan edirne escort bayan