Erba TiSana

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home

La Fisiognomica - Un po’ di Storia

E-mail Stampa PDF

carattere | fisiognomica | viso

Valutazione attuale: / 11
ScarsoOttimo 
Indice
La Fisiognomica
Un po’ di Storia
Il Volto
La Bocca
Tutte le pagine

Un po’ di Storia

Giovanni Battista Dalla Porta scriveva nella sua opera che la Fisionomia (così si diceva la Fisiognomica) era nata come espressione dei principi naturali e che i suoi studi non erano altro che la prosecuzione delle ricerche sei saggi che lo avevano preceduto nei secoli.porta-bull

I filosofi greci erano incuriositi dalle varietà dei volti umani e dei relativi caratteri. Il viso come specchio dell’anima. E spesso apparentavano i caratteri umani alle specie animali: c’erano l’uomo leonino, quello volpino, quello rapace.

Chi ha il naso di coniglio vorrà dire che è codardo; chi ce l’ha d’aquila sarà d’animo grande; chi camuso è lussurioso come i cervi; chi ha il labbro superiore che sporge su quello inferiore è stupido come gli asini; chi ha le gengive sporgenti è litigioso come i cani…e così via.

Troviamo queste similitudini elencate nel testo straordinario intitolato Fisiognomica, opera dagli antichi attribuita ad Aristotele in persona, dai moderni invece ritenuta di mano di qualche suo allievo. Fronti alte e basse, complessioni grossolane o esili, occhi piccoli o sgranati, labbra sottili o tumide, corpi gentili e ben proporzionati oppure tozzi e sgraziati: tutto partecipa di un vero e proprio sistema in cui, alla maniera greca, ciò che è bello è anche buono e ciò che è brutto è anche cattivo. E non si tratta di pregiudizi o di sciocchi paragoni.

Alcuni ricercatori (a partire da Adamanzio per arrivare al grande Giordano Bruno), hanno notato singolari rassomiglianze fra alcuni volti umani e quelli degli animali. Mentre altri (come i medici cinesi dell’antichità) hanno cercato di leggere nel volto il grado di salute dell’individuo, vedendo nel viso uno specchio energetico dei vari organi del corpo umano e delle sue funzioni. Similmente, in tempi più recenti (ma rifacendosi comunque a studi medioevali), in Europa sono state individuate alcune tipologie che individuano caratteristiche psicosomatiche (celebre in tal senso il trattato del medico francese Léon Vannier).porta-dog

Questi primi antropologi della nostra civiltà avevano un criterio: “a un determinato corpo è connesso un determinato comportamento“.

La fisiognomica richiede pazienza e precisione; non la si può penetrare con un atteggiamento sbrigativo e frettoloso, leggendo un semplice manualetto — richiede anni di studio, di osservazione, e una capacità di analisi il più possibile globale.

L'interesse per questa disciplina, o ars, che si propone di utilizzare i caratteri propri del singolo corpo umano come signatura di qualità psichiche e morali corrispondenti, era presente già in epoca antica e rifiorisce in modo significativo nel mondo latino medievale a partire dal sec. XIII.
Nelle classificazioni filosofiche precedenti (come quella di Ugo da San Vittore, sec. XII) non vi è alcun accenno al nuovo sapere, sebbene proprio a questa altezza cronologica se ne siano gettale le basi, come risulta dalle elaborazioni della teoria dei temperamenti messe a punto dalla profetessa Ildegarda di Bingen e dallo chartriano Guglielmo di Conches. A Costantino Africano si deve il 'presupposto filosofico' su cui si fonda la tradizione fisiognomica latina, che si presenta allo studioso come un insieme articolato e complesso di dottrine di varia origine e provenienza: come il corpo segue l'anima nello svolgimento delle sue operazioni, così le facoltà dell'anima seguono le differenti complessioni corporee.
porta-lionn questa direzione si sono mossi gli autori del XIII secolo, che, sulla scorta della Physiognomonia, anonimo compendio dell'antico sapere fisiognomico latino già difuso nei codici del XII secolo, e con il fondamentale contriuto delle classificazioni delle scienze offerte dagli arabi Razi e Avicenna e della medicina galenica rielaborata dalla scuola salerniatan, hanno messo a punto i nuovi sviluppi della disciplina.
Nel corso del Duecento, infatti, si comincia a discutere in modo più sistematico sullo stuto epistemologico, l'oggetto, i principi, i metodi e i fini della fisiognomica. E' proprio in questo periodo, infatti, che si costituisce un canone di testi che saranno la base dell'insegnamento e della ricerca; tra questi, si ricordano la sezione fisiognomica del Liber ad Almansorem di Razi, che è letta sotto il titolo di Physionomia; il De physiognomonia Libellus sopra citato; il Secretum secretorum pseudoaristotelico. I primi autori a dedicarsi a questa disciplina sono Michele Scoto, che scrisse un Liber Phisionomie, Alberto Magno, Ruggero Bacone e, alla fine del secolo, Pietro d'Abano e Giovanni di Jandun. Il loro principale interesse fu quello di attribuire alla fisiognomica lo statuto epistemologico di scienza, liberandola dai rapporti sospetti che la legavano alle altre artes divinatorie, compromesse con il pericoloso ambito della magia, in primis l'astrologia, che poneva la questione del rapporto tra la causalità naturale terrestre e quella celeste. Per evitare tali dannose implicazioni, i medievali accostarono sempre più tale disciplina alla medicina e particolarmente allo studio anatomico delle parti del corpo umano, condannando esplicitamente in taluni casi anche il ricorso ad un metodo consolidato in età classica, ovvero l'analogia tra i 'tipi' umani e le specie animali, che rimaneva confinato ai bestiari moralizzati, pur così diffusi nel medioevo.
Si procedette così alla progressiva assimilazione di materiali di provenienza eterogenea all'interno di un contesto disciplinare che si andò istituzionalizzando proprio in quegli anni, il cui insegnamento finì per coincidere, all'interno dell'università, con la lettura di un testo posto sotto l'autorità di Aristotele, la Physionomia, pseudoepigrafa, ma composta in ambiente peripatetico. Un interessante esempio dell'approccio scolastico alla fisiognomica è rappresentato dalle lectiones del testo pseudoaristotelico (che circolava insieme alla autentiche opere di filosofia naturale dello Stagirita) prodotte da Guglielmo di Spagna, recentemente identificato con Guglielmo di Aragona.
ildegard_nwGià nel Trecento, infatti, la fisiognomica era riconosciuta legittimamente come una sezione della filosofia, quindi insegnata alla facoltà di arti, e il testo dello ps. Aristotele, giudicato parte integrante del corpus delle opere dello Stagirita, entrò a far parte di detto curriculum. In stretta correlazione con l'ambito teorico ed epistemologico della filosofia naturale e con la medicina da un lato, e fortemente implicata con la filosofia pratica e con la politica dall'altro, in virtù della sua funzione di 'guida' alla conoscenza e controllo delle passioni umane, la fisiognomica si rivelò doppiamente interessante per i medievali, che ritennero degne di attenzione le raccolte e i compendi anche fuori dall'ambito universitario, presso le corti e la curia papale, che furono utilizzate dai governanti per selezionale persone degne di fiducia per i ruoli più importanti.
Da scienza del corpo, che utilizza i sensi, la potenza intuitiva, rivolta all'osservazione diretta dei corpi vivi, la fisiognomica diventa così scienza del libro, fondata sulla lettura e sul commento della Physionomia, con il contributo delle auctoritates. Si perde così progressivamente l'adesione alla concretezza dell'esperienza, in favore di una sempre più disciplinata scienza che trova la sua raion d'essere nella sua utilitas per i governanti e la sua collocazione ideale all'interno di uno spazio teorico sempre più ristretto, fra medicina, psicologia e biologia, all'interno dell'ordine aristotelico delle scienze.

 



Ultimo aggiornamento Venerdì 09 Ottobre 2009 13:42  

escort bayan muğla aydın escort bayan escort bayan anakkale balıkesir escort bayan escort tekirdağ bayan escort bayan gebze escort bayan mersin buca escort bayan edirne escort bayan